Madre riesce a costringere le figlie a compiere atti sessuali per farle guardare in web cam al compagno: condannata

Abusi

Non solo gli uomini sono pedofili, anche le donne fanno questo sconcio obbligando i figli a fare cose abominevoli: in questo caso una donna ha costretto le due figlie ad avere dei rapporti sessuali davanti alla webcam per permettere al suo compagno di guardarle. Lei è Rose Beth Litzky, 33 anni, ed è stata condannata per pedofilia insieme al fidanzato Roberto Oquendo, di 38 anni, dopo che le autorità hanno scoperto gli abusi sulle figlie di lei. La polizia ha trovato centinaia di video e di foto in cui comparivano le bambine nude o costrette a fare atti sessuali. L’uomo è stato scoperto a seguito di una retata da parte dell’FBI sulla pedopornografia in rete: è stato scoperto il traffico di materiale a sfondo pedopornografico e dopo le indagini sono state trovate immagini e video nel suo telefono che hanno poi fatto capire anche il coinvolgimento della compagna nella rete. La donna avrebbe costretto le sue figlie a performance sessuali dal 2014 al 2016, ma nella rete erano coinvolti molti altri bambini e sembra che la mamma desse alle bambine le indicazioni su cosa dovessero fare per compiacere in chat il suo compagno e le piccole obbedivano non avendo nessuna alternativa. Secondo quanto ha riportato il Daily Mail, l’uomo sarà condannato il prossimo 14 ottobre, mentre la mamma delle giovani vittime è stata già condannata a scontare 50 anni di carcere. Le figlie sono ricoverate in una struttura protetta.

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *