Incendio

E’ arrivata nella tarda serata del 10 agosto un’ordinanza fimata dal sindaco di Aprilia Antonio Terra che impone di adottare misure precauzionali per tutelare la salute dei cittadini dopo il terrificante incendio che è divampato alla Loas nella serata del 9 agosto scorso. Il provvedimento del Comune recepisce alcune indicazioni pervenute dalla Asl e stabilisce, in attesa dei risultati delle analisi condotte nei pressi dell’area interessata dal rogo, il divieto di raccolta, vendita e consumo di frutta e verdura e di tutti i prodotti di origine animale provenienti da un’area ricadente nel raggio di due chilometri dall’incendio. L’ordinanza raccomanda ai residenti residenti della medesima zona di allontanarsi dalla propria abitazione o tenere comunque chiuse le finestre, per prevenire il possibile passaggio di inquinanti, compresi gli impianti di areazione forzata. I cittadini sono invitati anche a lavare, esclusivamente con acqua, le superfici esterne oggetto di possibile accumulo di polveri, evitando getti che le possano rimettere in circolo. Allo stesso modo, l’ordinanza impone la sostituzione o manutenzione dei filtri e il lavaggio delle condotte negli impianti di condizionamento o areazione forzata. Ha commentato il primo cittadino Antonio Terra: “Grazie al lavoro di vigili del fuoco e protezione civile, l’incendio appare ormai domato. Siamo in attesa di conoscere i risultati delle analisi condotto dell’Arpa Lazio nella zona interessata dall’incendio ma nel frattempo, su indicazione della Asl, abbiamo comunque ritenuto opportuno dare indicazioni, in via precauzionale, proprio per evitare possibili conseguenze sulla salute delle persone. Colgo l’occasione per ringraziare, a nome di tutta la città, sia i vigili del fuoco che la protezione civile per l’enorme lavoro condotto tutta la notte e nella giornata”. In via precauzionale, il Comune di Aprilia e la Pro Loco hanno anche disposto il rinvio al 2 settembre della proiezione del film “L’immortale” inizialmente programmata per qula serata dell’11 agosto Sul violento incendio scoppiato la Procura di Latina ha aperto un’inchiesta che punta a comprendere cosa è accaduta nella ditta di stoccaggio di rifiuti di Aprilia e quale sia l’origine del rogo. nella serata del 10 agosto alcuni focolai non del tutto spenti si sono riattivatiprovocando un altro incendio e una nuova nube nera che si è sviluppata nel capannone della zona artigianale della città. Vigili del Fuoco ancora al lavoro per domare le fiamme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui