OasiL’Oasi in q4-q5 sembra caduta in disgrazia. Il polmone verde dei quartieri q4-q5 continua a degradarsi per costante mancanza di manutenzione. L’ultimo taglio d’erba risale allo scorso mese di Agosto, poi più nulla. Lo steccato che delimita tutta l’area ormai esiste solo a tratti, per il resto è praticamente crollato. I percorsi ciclopedonali sono pieni di crepe preoccupanti, proprio nel bel mezzo del tracciato. E da lì inizia a uscire l’erba. Quella che doveva essere l’Oasi Verde, il polmone verde e pulito del quartiere, rischia di scomparire nel suo stesso verde. Basterebbe un’ordinaria manutenzione per risolvere problemini che con il tempo rischiano di diventare problemi che, a quel punto, costringerebbero a interventi straordinari, come rifare il manto stradale del percorso ciclopedonale. Senza dimenticare i continui atti vandalici che continuano a ripetersi nel parco. Cestini dei rifiuti ribaltati, danneggiamenti alle panchine, scritte sui muri e sulle giostre dell’area giochi dedicata ai bambini. E la beffa del sistema di sorveglianza che, nonostante sia pronto e nonostante copra l’intera area, non è mai entrato in funzione. Un vero scempio che fa rinunciare le persone a usufruire dell’area, e i residenti a soffocare la rabbia. Una rabbia che non scoppia e oramai diventa sconforto.

admin
Author: admin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui