Porto di Gaeta

Si è parlato del potenziamento infrastrutturale del porto di Gaeta come il volano per il territorio nel meeting online promosso da Unindustria, un dibattito sulle prospettive dello scalo laziale, scenari e potenzialità per lo sviluppo dei traffici portuali nell’area sud del Lazio, a cui hanno partecipato, tra gli altri, il presidente di Unindustria Cassino Davide Papa, il presidente di Unindustria Civitavecchia Stefano Cenciil presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro-Settentrionale Francesco Maria di Majo, il sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano e l’assessore regionale a lavori pubblici, mobilità e tutela del territorio Mauro Alessandri che hanno illustrato lo stato dell’arte in merito alle attività pianificatori per lo sviluppo del porto.  “Il porto di Gaeta è un’infrastruttura che, per posizionamento geografico, ha tutti i presupposti per diventare un volano di sviluppo per un ampio territorio e un indiscusso fattore di competitività per le aziende che vi insistono” ha sottolineato Papache ha messo in luce la necessità di valorizzazione e di un ulteriore potenziamento degli investimenti finora effettuati, soprattutto in termini di adeguata viabilità e servizi di logistica innovativa, nonché un sinergico coordinamento tra tutti gli attori coinvolti, pubblici e privati. Ha affermato Cenci: “Sin da quando abbiamo aperto la sede di Unindustria Civitavecchia abbiamo dedicato un’attenzione particolare ai temi dell’economia del mare o blue economy, riconoscendo peraltro il vantaggio di avere sotto un’unica autorità regionale esclusivamente i tre porti del Lazio: Civitavecchia, Fiumicino, Gaeta. In un Paese come l’Italia, con i suoi ottomila chilometri di costa e al centro delle reti marittime trans-mediterranee, il settore dovrebbe essere assolutamente centrale per lo sviluppo dell’intera economia nazionale.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui