ll sottosegretario all’Economia Baretta e il consigliere regionale Forte in visita all’azienda vitivinicola Casale del Giglio

Baretta, Amici e Forte
Casale del Giglio

Una visita importante una delle aziende di eccellenza alimentare del territorio pontino ha ricevuto nei giorni passati. Infatti questa visita è stata una buona pratica, ma  anche l’occasione di conoscere un territorio, ossia la visita all’azienda vitivinicola Casale del Giglio ha permesso al sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, di conoscere da vicino una realtà imprenditoriale che fa dell’eccellenza produttiva e della valorizzazione territoriale i suoi punti di forza. Ha dichiarato il sottosegretario Baretta al termine della visita: “La storia di Casale del Giglio  è la dimostrazione che tradizione e sperimentazione possono viaggiare di pari passo, consentendo di raggiungere risultati di rilievo anche a livello nazionale e internazionale. Grazie all’impegno e alla sperimentazione, la famiglia Santarelli è stata in grado di far emergere il potenziale qualitativo di un territorio ancora poco conosciuto da un punto di vista viticolo ed enologico. Ma l’esperienza di Casale del Giglio è anche la dimostrazione che Latina e la sua provincia possono lavorare per dare vita a un modello di sviluppo integrato, imperniato sulla valorizzazione delle eccellenze agroalimentari”. Ad accompagnare il sottosegretario durante la visita il dott. Antonio Santarelli, proprietario della casa vitivinicola, e il consigliere regionale del Partito Democratico, Enrico Forte. “L’azienda Santarelli rappresenta l’ideale anello di congiunzione tra innovazione e tradizione. E’ una realtà che parte da lontano e che ha investito in un territorio che è un vero e proprio giacimento di bellezza naturalistica e storica. Il coraggio e la lungimiranza hanno premiato Casale del Giglio facendola diventare un’azienda di caratura internazionale che ha dato lustro anche a Le Ferriere. Approfondendo la conoscenza di queste realtà, crediamo ancor di più che la filiera tra impresa e istituzioni debba essere rafforzata a beneficio della collettività. In particolare l’azienda Santarelli può sfruttare il valore sempre crescente del comparto enogastronomico che, insieme alla cultura, rappresentano un forte attrattore turistico. Latina ha bisogno di credere in questo connubio, imperniato su una agricoltura di qualità, ed in questo caso su una viticoltura d’eccellenza in grado di caratterizzare il territorio al pari delle esperienze italiane più blasonate. Latina e la sua provincia non potrebbero avere un biglietto da visita migliore”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *