L’interrogatorio del neurochirurgo del Goretti sospeso

Tribunale di Latina

Il neurochirurgo mattina Carmine Franco, il primario facente funzione del reparto di Neurochirurgia dell’ospedale Goretti di Latina per il quale nei giorni scorsi è stata disposta la sospensione dal servizio ospedaliero per un anno, nell’ambito di un’inchiesta dove lo vede coinvolto per truffa e abuso di ufficio, è comparso  davanti al Gip del tribunale di Latina Giuseppe Cario per l’interrogatorio di garanzia, assistito dal suo legale, l’avvocato Giovanni Lauretti. Il provvedimento cautelare personale della “sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio” è stato notificato al neurochirurgo Carmine Franco dai Carabinieri del Nas di Latina che hanno condotto l’articolata attività investigativa coordinata dal sostituto procuratore Valerio De Luca. Secondo quanto emerso dagli accertamenti dei militari, in violazione del contratto di esclusività che lo vincolava alla Asl di Latina per il quale percepiva un incremento stipendiale, il medico avrebbe effettuato visite specialistiche ed interventi presso studi medici privati. L’attenzione dei Nas si è concentrata anche su un concorso pubblico per titoli ed esami indetto dalla Asl finalizzato alla formazione di una graduatoria di Dirigenti Medici a tempo determinato nella Disciplina di Neurochirurgia, per il quale il neurochirurgo figurava come componente della commissione. Ma l’interrogatorio del medico del Goretti non ha avuto luogo  in quanto ha deciso di non presentarsi.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *