Chiesa San Michele di Aprilia

E’ arrivato un nuovo intellettuale della domenica a scrivere sui muri non propri usando delle frasi di 70 anni fa, e quindi anche un po’ retrò. Infatti chi ha  imbrattato la Chiesa di San Michele di Aprilia conosce un po’ di storia. La scritta “Cristo era del popolo”, dipinta sulla facciata della chiesa di piazza Roma, è la stessa che nel 1946 fu disegnata sulla parete frontale della chiesa, più o meno lo stesso punto di stanotte. Ma erano altri tempi: allora Aprilia era in macerie e della chiesa erano rimaste in piedi solo le mura portanti. Un dissenso che arrivava al termine di una guerra estenuante, durata 5 anni e che aveva lasciato solo morte, povertà, fame e disperazione. Oggi è diverso: l’intellettuale di turno ha scelto la settimana del Santo Patrono per esprimere un concetto anacronistico, condito da inciviltà e soprattutto inutilità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui