Il 23 novembre c’è stata l’inaugurazione dei nuovi paizzalid el Porto Commericale di Gaeta, e uno degli invitiati a questa cerimonia è stato il consigliere comuanle, già onorevole della Repubblica Gianfranco Conte, il quale ha voluto commentare questa importante reòliazzazione di un’opera infrastrutturale utile per la questione dell’economia comprensoriale, a maggior ragione che tutta l’area si sta rinnovando radicalmente: Ieri inaugurazione degli ulteriori spazi del porto commerciale di Gaeta ! È bello vedere realizzate grandi opere soprattutto quando ci si è impegnati in prima persona. Ieri qualcuno ha ricordato che questi lavori facevano parte dei famosi 33 milioni che mandai all’Autorità Portuale di Gaeta. Fondi utilizzati per la realizzazione del porto commerciale e il restyling del waterfront di gran parte del comune di Gaeta ! Per 20 anni di seguito sono stato votato in questo territorio e ritenevo di avere un debito morale nei confronti dei cittadini che mi hanno sempre sostenuto e che mi chiedevano di impegnarmi per risollevare il nostro comprensorio. Sono stato a disposizione delle amministrazioni che si sono susseguite indipendentemente dal colore politico, avendo come primo #obiettivo l’interesse della città e dei suoi abitanti, per questo ho portato nel nostro territorio numerosi finanziamenti , solo per ricordarne qualcuno: 1 milione e 500 mila euro per la sistemazione di ‪Largo Paone , 5‬ milioni che dovevano servire per il collegamento fra la D’Agostino e la Stazione Ferroviaria, 250.000 euro per la Chiesa del Sacro Cuore, 150.000 euro per la Chiesa di San Giovanni, 50.000 euro per la Chiesa di Don Bosco, 5 milioni per la ristrutturazione del castello Angioino di Gaeta , 12 milioni a Minturno per la ristrutturazione delle Sieci, tre milioni e 500 mila a Castelforte per l’adeguamento della strada statale 630 Suio-San Vittore, 33 milioni per il Porto di Gaeta, oltre a interventi per scuole, strade, centri socio-culturali nei comuni Lenola, Itri, Ponza, Ventotene, San Cosma, Ausonia e al fondo permanenti di ristoro per la Centrale Nucleare del Garigliano ai comuni di Minturno, Castelforte e San Cosma. In molti casi, finanziamenti arrivati grazie al mio intervento, purtroppo non sono stati utilizzati dalle amministrazioni. Ringrazio l’On. Matteo Adinolfi per averlo messo in risalto e il Presidente dell’Autorità Portuale Di Majo!”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui