Latina Biz – Servizi Notizie Eventi Informazioni Cronaca,Formia,Province L’ex consigliere comunale Antonio “Totò” Calvano si è suicidato

L’ex consigliere comunale Antonio “Totò” Calvano si è suicidato



Antonio Calvano

Questa è una immagine giovale quella qui esposta dal suo profilo Facebook, ma non si poteva certo immaginare che quest’uomo nella giornata del 21 dicembre, il solstizio di inverno, aveva deciso che era arrivato al capolinea. Un capolinea con tanto di nodo scorsoio: una impiccagione che ha troncato per sempre la sua vita. Era separato da sua moglie, ed aveva due splendide figlie, ma evidentemente non batava per un uomo che per quindici anni aveva fatto politica nella città di Formia, che aveva gestito per un periodo una attività di videoteca – oggi sede di una pizzeria al taglio in quel di Largo Paone – ma che dopo l’insuccesso della campagna elettorale del 2013 che lo aveva visto sconfitto, si era ritirato di buon ordine ed aveva deciso di trasferirsi a Cassino. Parliamo di Antonio Calvano, che aveva deciso di abbandonare la politica dopo che la prima volta era stato eletto con l’UdC di Michele Forte, poi si era trasferito in Forza Italia ed infine era transitato negli indipendenti che avevano condizionato la partita politica dell’amministrazione Forte dal 2008 al 2013. Ma dopo l’elezione del quarto mandato di Bartolomeo, pur avendo avuto una grossa affermazione, non era riuscito a rientrare nell’assise comunale e quindi si era trasferito nel Frusinate riprendendo a lavorare e a far dimenticare la sua presenza, peraltro impalpabile, nel Consiglio comunale formiano. Il suo nome è stato accostato ai Bardellino, in quanto amico di Callisto, ma soprattutto i suo nome è stato accostato alle inchieste degli ultimi anni che hanno caratterizzato la politica formiana: Le Fosse, il Sistema Formia, Formia Connection, ma lui ne è sempre uscito dalle indagini, spesso a sua insaputa. A Cassino era una persona normale, anche troppo, aveva cambiato vita ma aveva anche dei timori per la sua incolumità. E’ stato un profeta inascoltato? L indagini si sono chiuse in fretta: suicidio. Sentenza senza appello per una morte di un personaggio che per 15 anni era diventato uno dei più noti politici della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *