L’elezione di Sandro Zangrillo presidente del Consiglio Comunale di Formia: intervento del consigliere di Sel Giuseppe Bortone

Maggioranza
Maggioranza
Giuseppe Bortone
Giuseppe Bortone

Il consigliere, nonché capogruppo di Sel -Sinistra Italiana,  Giuseppe Bortone,  ha fatto un intervento riguardo l’elezione del nuovo presidente del Consiglio del Comune di Formia: ” Sicuramente per noi il cambio della Presidenza del Consiglio non era una priorità, e riteniamo che non fosse neanche necessario farla.  però nel momento in cui il Sindaco, nell’ambito della sua legittima e libera scelta ha deciso di chiamare, almeno così ci sembra di capire, il dottor Tallerini ad altri incarichi, e quindi necessariamente la Presidenza del Consiglio si sarebbe trovata sguarnita, ovviamente anche noi abbiamo dovuto affrontare questa questione. Ripeto che non  ritenevamo necessaria, perché probabilmente, sempre nell’ambito delle prerogative del sindaco si potevano fare anche altre scelte nell’Assessorato all’Urbanistica. Comunque, questo è: sicuramente quello che diceva già il consigliere Schiano è una realtà. Ci troviamo di fronte ad un momento, insomma, delicato, un momento che richiede molta responsabilità e anche molta attenzione perché, come dire, davanti a tutto e prima di tutto ci sono i problemi della città, e ci sono le risposte che comunque l’attuale Amministrazione deve essere in grado di dare ai problemi di questa città. E’ la risoluzione di questi problemi sicuramente non può dipendere dalla Presidenza del Consiglio che poi alla fine, come dire, è un  ruolo istituzionale importante sicuramente ma alla fine anche ininfluente rispetto a quello che sono poi le soluzioni che la città aspetta e che la città deve avere. Per cui questa cosa della Presidenza nono poteva certo diventare un momento ostativo per continuare a lavorare. Quindi noi prendiamo atto come gruppo politico che fa parte di questa maggioranza della proposta fatta per senso di responsabilità l’accogliamo, e quindi preannunciamo ovviamente anche noi, come già concordato il nostro sostegno alla candidatura, ma quello che ci siamo detti in questi giorni e che ribadiamo in questa sede e che appunto quello che conta è quello che questa Amministrazione, questa maggioranza, dovrà, dovrà e dico dovrà fare in questo anno e mezzo di amministrazione che ancora rimane. A parte quello che è il quotidiano, a parte quello che è l’ordinaria amministrazione, ritengo che noi abbiamo, nonostante, come dire, i numeri siano numeri complicati, numeri difficili da gestire ma forse anche per questo, come dire, solo numeri che ci chiamano a un maggiore senso di responsabilità, ritengo che questa amministrazione debba avere il compito di quello di gettare le basi per un futuro della città che sia, come dire, abbia una prospettiva, abbia un futuro, abbia una speranza. E questo può avvenire soltanto attraverso la messa in campo di tutti quegli strumenti di programmazione che poi consentono alla città di avere un futuro. Il consigliere Schiano già ne ricordava qualcuno, la discussione finalmente della nuova ipotesi di piano regolatore, il Piano Urbano del Traffico, della sosta e del trasporto pubblico urbano, il piano acustico, il regolamento dell’Albo delle Associazioni, e quindi tutti quegli strumenti programmatori che devono assicurare poi e devono aprire un percorso per un futuro della città da un punto di vista socio- economico, culturale, e quant’altro. Quindi tutto questo, ripeto, con grande senso di responsabilità a noi aderiamo a questo riassetto del Consiglio Comunale confidando che, appunto, il ruolo del Presidente del Consiglio Comunale, come siamo sicuri che sarà, continuerà ad essere quel ruolo anche di supporto all’attività amministrativa,come lo è stato da parte del dottor Maurizio Tallerini, che anche io ringrazio per come, non sempre ci siamo trovati d’accordo sulla sua conduzione, ma voglio dire lo ha comunque svolto con grande senso di responsabilità, di equilibrio, e quindi ci ha consentito in questi tre anni di lavorare al meglio. Confido che questo potrà continuare e ritorno un attimo sull’aspetto programmatico perché è la cosa fondamentale che a noi interessa e ci rendiamo conto che effettivamente oggi, almeno dall’esterno, può apparire una maggioranza in difficoltà perché abbiamo numeri assolutamente stretti in Consiglio Comunale, ma ripeto, questo ci deve chiamare ad una maggiore responsabilità, per cui la nostra presenza sarà, come dire, doverosa oltre che voluta. E dico questo perché questa maggioranza e quel programma, questa maggioranza dovrà avere la capacità di sostenerlo in modo autonomo, e questo noi, come dire, lo ribadiamo e crediamo che sia importante ribadirlo. Dodici più uno devono essere sufficienti sempre, in ogni caso, ad assicurare la realizzazione del programma che questa maggioranza si è data. E questo, diciamo, insieme  ai contenuti è importante quanto tanto i contenuti. Quindi riconfermiamo il sostegno per questo ruolo istituzionale è e che rimane un ruolo istituzionale nella personalità di Sandro Zangrillo.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *