Latina Biz – Servizi Notizie Eventi Informazioni Cronaca I legali di Noura chiedono che sia scagionata da tutte le accuse a lei imputate

I legali di Noura chiedono che sia scagionata da tutte le accuse a lei imputate



Matrimonio Noura

Intanto i legali di Noura Houssein hanno ottenuto una grande vittoria: guidati da Ishag Ahmed Abdulaziz, depositeranno un nuovo ricorso per chiedere che la loro assistita, dopo aver visto ridurre la condanna dalla pena di morte a 5 anni di carcere, sia scagionata da tutte le accuse. Mentre il team legale della giovane si adopera affinché possa al più presto tornare libera, la famiglia del marito, che lei ha ucciso per autodifesa, non sembra intenzionata ad accettare che Noura possa uscire dal carcere e il padre dell’uomo sarebbe addirittura pronto a farsi giustizia da solo. Per lui la nuora deve essere giustiziata. A due settimane dalla decisione della Corte d’Appello di annullare il verdetto di primo grado si sta per aprire un nuovo fronte giudiziario. Per salvare Noura, costretta a sposarsi contro la sua volontà quando aveva 16 anni con un cugino che ne aveva 35, gli attivisti di Italians for Darfur si sono mobilitati, ed  anche tre agenzie delle Nazioni Unite e Amnesty International, scrivendo al presidente sudanese Oman al Bashir per chiedere la clemenza. All’indomani della sentenza di primo grado emessa lo scorso maggio sono state lanciate petizioni in tutto il pianeta, con la partecipazione di molte personalità femminili della cultura, dello spettacolo e della politica, dalla modella Naomi Campbell all’attrice Emma Watson, dall’ex premier australiana Julia Gillard al sindaco di Parigi la signora  di Parigi Anne Hidalgo, dalla soprano Nathalie Dessay alla filosofa Elisabeth Badinter. Ora, dopo il primo importante risultato dell’annullamento della condanna a morte, attendiamo fiduciosi l’esito del ricorso alla Corte Suprema. I legali di Noura, in carcere dal 3 agosto del 2017, sono fiduciosi e pronti a continuare la battaglia giudiziaria fino a quando non sarà dichiarata innocente.

 

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *