Le sigarette elettroniche fanno male

Sigarette elettroniche

Le sigarette elettroniche sono più pericolose di quelle normali perché distruggono la funzione polmonare ed espongono a rischio infezioni interferendo con la funzione immunitaria dei polmoni. E’ quanto evidenziato da un team di ricercatori del baylor College of Medicine che hanno condotto una sperimentazione su alcuni topolini. Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulle pagine del Journal of Clinical Investigation, contribuisce a generare preoccupazioni sull’uso della sigaretta elettronica, finite in questi giorni al centro dell’attenzione per una serie di decessi. I ricercatori, come si legge sulle pagine della prestigiosa rivista, hanno confrontato l’esposizione a fumo da sigarette normali, fumo da sigarette elettroniche e vapori dei solventi delle sigarette elettroniche (ma senza nicotina) su tre gruppi di topolini per un periodo di 4 mesi. Nel medesimo tempo, che nell’uomo corrispondono a molti anni di fumo, è emerso che la superficie dei polmoni, detto epitelio polmonare, viene danneggiata dal normale fumo, da quello della sigaretta elettronica e anche, sia pure in modo diverso dai vapori della sigaretta elettronica senza nicotina (solo con i solventi commercialmente in uso per il loro funzionamento. Anche la funzione immunitaria dei polmoni, in particolare i “macrofagi”, le cellule “spazzine” presenti sull’epitelio polmonare è disturbata dai vapori della sigaretta elettronica, con o senza nicotina. Ha dichiarato l’autore Farrah Kheradmand: “In sintesi i nostri risultati sperimentali rivelano che, indipendentemente dalla nicotina, l’inalazione cronica dei vapori delle sigarette elettroniche distrugge la normale funzione polmonare e riduce la capacità delle cellule immunitarie residenti nei polmoni di rispondere alle infezioni, aumentando la suscettibilità a malattie quali l’influenza I nostri risultati suggeriscono l’importanza di fare ulteriori ricerche sui solventi usati nelle sigarette elettroniche”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *