Le responsabilità dell’incidente di Prossedi di cui sono state vittime madre e figlia

Camilla e Estella Aversa

La famiglia Aversa, Estella Aversa, 47 anni, e la figlia Camilla di 18 anni, entrambe di Ceccano, che sono coinvolte nell’incidente stradale che è avvenuto il 24 maggio scorso a Prossedi, sarebbero decedute a causa dell’eccesso di velocità dell’automobilista che si trovava a bordo dell’altra auto. Secondo  quanto riportato da Marina Mingarelli su Frosinone Today ed è quanto stabilito dal consulente della procura di Latina Luigi Simoneschi che nei giorni scorsi ha depositato la perizia. Il medico dell’esercito di 53 anni, che è stato indagato per omicidio stradale, quel giorno si trovava alla guida di un’Audi A5 e viaggiava a quasi 90 chilometri orari in un tratto di strada che prevedeva il limite di 60. Secondo la perizia il conducente dell’Audi, dopo aver effettuato una curva a velocità sostenuta ha invaso l’altra corsia provocando lo scontro frontale con la Ford Fiesta sulla quale viaggiavano le due donne.  Madre e figlia sono morte sul colpo dopo che l’auto si è ribaltata in un fossato. 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *