Le persone indagate dell’operazione “Masterchef” negano tutto davanti al Giudice

Carabinieri

Nella mattinata del 22 novembre ci sono stati ancora gli Sono proseguiti questa mattina gli interrogatori delle sei persone raggiunte da ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’operazione condotta dai carabinieri e denominata “Mastercehf”.  L’inchiesta ha portato alla luce un sistema collaudato attraverso il quale alcuni detenuti del carcere di Latina venivano riforniti di droga. Michele Petillo, assistito dall’avvocato Alessia Vita, è stato ascoltato su rogatoria presso il carcere di Velletri dove è detenuto e si avvalso della facoltà di non rispondere. L’uomo ha fatto spontanee dichiarazioni respingendo le accuse e proclamando la sua innocenza. Il giudice per le indagini preliminari Giuseppe Molfese  ha invece ascoltato in Tribunale Stefania Mirocevic, 55 anni, ai domiciliari, madre di uno dei detenuti che si occupava di consegnare la droga nella sala colloqui della casa circondariale: la donna si è avvalsa della facoltà di non rispondere mentre Jamel Dridi, 34 anni, Thomas Di prospero, 22 anni, e Chiara Barillari, 26 anni, sottoposti agli obblighi di firma, hanno negato tutte le accuse. Per tutti, accusati di detenzione  a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, sono state confermate le misure cautelari.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *