Le “Memorie di Adriano” alla Tomba di Cicerone: interpretazione di Giulio Scarpati

Grande successo di pubblico, circa 700 persone presenti, alla prima delle notti di Cicerone organizzate dal Comune di Formia. Un prologo anche per assegnare il premio Cicerone, il primo premio dell’amministrazione Villa, per il nuovo corso delle nottate dedicate al grande oratore arpinate morto a Formia assassinato per ordine di Marco Antonio, consegnato dallo stesso sindaco Paola Villa al sindaco di Arpino Rea consistente in una sanguigna del maestro pittore Supino insieme ad una insegna stradale dove vengono indicate le due città insieme per rinnovare il gemellaggio tra le due città. Ma la magia del teatro è stata offerta dalla magistrale lettura delle “Memorie di Adriano” di Yourcenar da parte di Giulio Scvarpati, che alla fine dello spettacolo, interrogato dalla presentatrice della serata De Francesco, ha spiegato che ha ripreso la lettura di questo testo che in passato il grande Giorgio Albertazzi aveva fatto nella sua carriera di attore di teatro. Ma il sette settembre ci sarà, dopo la Notte Bianca del 6 settembre, il penultimo appuntamento con la kermesse storico-rievocativa delle “Notti di Cicerone”. Alle 21 alla Tomba di Cicerone si terrà lo spettacolo “Morricone, il Mitologico”, il Grande concerto della Rome International Orchestra, diretta dal Maestro Giorgio Proietti, a cura di Atopon, con la direzione artistica di Marianna Rossi. Presenta il giornalista di Sky TG24 Michele Giannì.  Il direttore d’orchestra Giorgio Proietti, nato a Roma, si è formato presso il Conservatorio di Santa Cecilia e il suo debutto come direttore avviene all’età di 25 anni alla Sala Verdi del Conservatorio di Milano, con l’Orchestra “Pomeriggi Musicali”. La sua attività è iniziata allo Sferisterio di Macerata con “Rigoletto” e le “Le Nozze di Figaro”. Tantissimi concerti tra l’Italia e l’estero: nelle stagioni 1998 e 2001, dietro invito del Giappone, ha diretto una serie di concerti a Sakata, Yamagata e Tokyo, con la partecipazione dei vincitori del “Concorso Internazionale Voci Verdiane; recital con i soprani Miwako Matsumoto e Mieko Sato alla Kiori Hall a Tokyo. Proietti ha diretto il “Japan Tour 2000” con la Sofia National Opera, organizzata dalla Japan Arts Corporation. La tournée ha toccato le città di Tama, Kofu, Nagoya, Hiroshima, Fukuoka, Hamamatsu, Kumamoto, Osaka, Utsonomiya e Tokyo, al Bunka Kaikan Theatre, con l’opera “Turandot”. Sempre nella capitale giapponese ha diretto la prima produzione assoluta in Giappone de “La Gioconda” al New National Theatre, dove erano presenti l’Imperatore e l’Imperatrice.  E’ Direttore Stabile della Accademia Internazionale di Roma con la quale, tra gli altri, ha diretto Concerti per il Ministero degli Esteri e per il Ministero della Marina, per i finalisti del Concorso Verdiano nella sede dell’Auditorium di Via della Conciliazione e per il concorso G. Petrassi” presieduto da Ennio Morricone e “Viaggio in Italia, dedicato ai Ministri dei Paesi Membri della Comunità Europea, tenuto al Parco della Musica. Tra gli interpreti: Luciana Savignano e Andrea Bocelli. Nel 2015 ha diretto l’Orchestra Bellas Artes di Città del Messico in un concerto dedicato a G. Verdi con Arie e Ouverture ottenendo un notevole successo. Nel febbraio 2017, invitato nuovamente in Messico, ha diretto l’Orchestra Sinfonica de Hidalgo alla presenza dell’Ambasciatore della Repubblica Italiana con la partecipazione della Società Dante Alighieri e l’Accademia d’Arte Fiorentina a Pachuca e Città del Messico. E’ Professore Ordinario di Direzione d’Orchestra presso il Conservatorio “Licinio Refice” di Frosinone.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *