il sindaco di Latina Coletta

Il tavolo permanente “Patto per Latina” e ilfondo “Latina per Latina”, sono i due strumenti istituiti nel pieno dell’emergenza coronavirus, nel periodo del lockdown, e pensati per la “ricostruzione” e la ripartenza della città. Lunedì 13 luglio c’è stato l’incontro di chiusura del tavolo permanente, che ha permesso al Comune di mettersi a confronto con le varie realtà politiche e le forze sociali e di categoria della città riguardo la gestione del fondo, che ammonta oggi a circa 1 milione e 700mila euro, da destinare alle categorie più in sofferenza e per essere di supporto e di aiuto allo sviluppo proprio nella fase di ripresa.  Ad illustrare i dettagli di come sono stati destinati i soldi del fondo sono stati il sindaco Damiano Coletta e l’assessore al Bilancio Gianmarco Proietti. Una cospicua parte sarà destinata alle imprese, circa 660mila euro tra la riduzione della Tari del 25% e progetti incentivanti l’attività commerciale; ci sarà poi un sostegno anche per le famiglie, la mobilità sostenibile e le scuole.  Si parte con la Tosap (dal Dl Rilancio), con l’esenzione per tutte le attività commerciali dal 1 maggio al 31 ottobre e per allargamenti autorizzabili in deroga al regolamento, e l’autorizzazione all’installazione di dehors davanti alle attività commerciali; a questo si aggiunge il rinvio al 30 settembre per i pagamenti dal 1 gennaio al 30 aprile rateizzabili.  Poi c’è la Tari con una riduzione dei 25% per le attività produttive chiuse o parzialmente chiuse durante il periodo del lockdown, per la quale con il fondo “Latina per Latina” si prevede un finanziamento di 960mila euro; ulteriori 180mila euro sempre del fondo sono previsti anche per la riduzione della Tari per le utenze domestiche per le famiglie con un Isee al di sotto degli 8000 euro e altri 50mila per le associazioni del terzo settore.  Si arriva al capitolo mobilità sostenibile e come ha ricordato il sindaco di Latina Coletta; “sapete quanto sia importante spingere in questo momento sulla mobilità sostenibile”. Con il fondo “Latina per Latina” si prevede un finanziamento di 250mila euro per per la creazione di piste ciclabili e di bike line, di zone 30 e di Ztl Smart nei pressi dei plessi scolastici, e di Ztl diffuse per dedicare aree a supporto delle attività commerciali.  Altro capitolo sostanzioso quello dedicato alle scuole: si prevedono, in aggiunta anche al finanziamento Pon di 670mila euro concesso dal Miiur,  250mila euro per l’acquisto di nuovi arredi per la rimodulazione delle classi e ulteriori 100mila euro per nuovi plessi temporanei. Ha commentato il sindaco: “Un sostegno importante per le scuole  per la ripresa di settembre”. Sempre dal fondo “Latina per Latina” sono stati messi a disposizione ulteriori 20mila euro per progetti di sviluppo per l’innovazione digitale e altri 90mila euro per progetti di sostegno per l’associazionismo.  Ha commentato il gruppo consiliare di Lbc: “Come gruppo di Latina Bene Comune siamo soddisfatti per il lavoro svolto dal tavolo per il ‘Patto per Latina’, perché è stata svolta un’opera di concertazione notevole con le forze sociali, di categoria e politiche – è stata una bella prova di condivisione e partecipazione. Segno che quando si lavora insieme per uno stesso obiettivo la collettività ne giova. La prima fase del tavolo, che si è chiusa serviva alla definizione dell’utilizzo del milione e mezzo di euro del fondo Latina per Latina, che contribuisce a sostenere da un lato le famiglie,la scuola e il terzo settore, dall’altro le attività produttive. Si tratta di soldi stanziati – sotto forma di riduzione tasse e contributi da erogare – per la ripresa dopo la fase acuta dell’emergenza Covid. Un ulteriore tassello che si aggiunge all’impegno sociale che da sempre contraddistingue l’amministrazione di Lbc. Recepite anche diverse proposte della minoranza consiliare, il che testimonia il grande lavoro di confronto e concertazione che c’è stato”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui