Formia – foto di Pietro Zangrillo

La campagna elettorale ha visto trionfare due pèersone su tutte, ossia Tadeo e La Mura, tra le cui fila ci sono anche dioversi operatori del settore economico che hanno voluto metytere la faccia in questa tornata elettorale. Ma cinque consorzi hanno voluto dire la loro, visto che il tema dell’economia, dal punto di vista delle attività, è stato trattato marginalemnte. Infatti i responsabili di associazioni di operatori economici non sono state ferme, che sono le Dimore del Sole (Attività Ricettive), dal Delegato Sindacale dei Balneari (Lidi di Gianola e Vindicio), dal Presidente dei Cuochi del Golfo (Attività di Ristorazione), dal Presidente del Centro Commerciale Naturale “Le due Torri” (Commercianti area Via Vitruvio) e dal Presidente del Borgo di Mola (Commercianti di Via Abate Tosti), che si sono riuniti per creare un consorzio e alla luce del risultato elettorale adesso hanno chiesto un confronto con i duecontendenti al ballottaggio per capire le loro vere intenzioni. Intanto hanno scritto una nota prima per dolersi di quaranta mesi di latitianza amministrativa ( Paola Villa e l’assessore al ramo Kristian Franzini prima e Biagio Attardi poi non hanno saputo rispondere alle varie attese), ma soprattutto capire cosa il prossimo sindaco come intende promuovere l’azione amministrativa che serve a far muovere l’economia. Ecco la nota che hanno inviato alla stmpa i responsabili delle cinque realtà, che sono Giuseppe Ferraro, Gianfilippo Di Russo, Gianluigi Giornalista, Luca De Meo e

Veronica Fedele:

Quaranta mesi! Quaranta mesi di speranze e di passione. In questi quaranta mesi abbiamo assistito ad innumerevoli dimissioni ed a poche, se non nulle, intuizioni geniali.

Intanto la città, già ridotta a brandelli, è precipitata nel baratro e dopo aver toccato il fondo, ha iniziato a raschiarlo.

Le imprese a vocazione turistica e le attività che vedono nel turismo il punto cardine dell’economia cittadina, qualche mese fa, hanno pensato che fosse giunto il momento di attivarsi per sopperire all’assenza funzionale delle istituzioni.

Il nobile scopo ha permesso la creazione di un Comitato Promotore finalizzato alla fondazione di un Consorzio Turistico per il rilancio della città. La compagine vede un organo direttivo costituito dal Presidente delle Dimore del Sole (Attività Ricettive), dal Delegato Sindacale dei Balneari (Lidi di Gianola e Vindicio), dal Presidente dei Cuochi del Golfo (Attività di Ristorazione), dal Presidente del Centro Commerciale Naturale “Le due Torri” (Commercianti area Via Vitruvio) e dal Presidente del Borgo di Mola (Commercianti di Via Abate Tosti).

L’organo direttivo così costituito è affiancato da un organo consultivo di cui fanno e faranno parte i tour operator e le onlus che custodiscono le potenzialità organizzative in campo turistico, naturalistico, culturale, sociale e sportivo. Solidarietà e collaborazione logistica sarà garantita anche dal Centro Itaca.

Il compound turistico formiano, in continuo fermento, attende ora l’interlocutore istituzionale di riferimento. Al momento le notizie non sono confortanti: i “programmi” elettorali sono stati presentati e nonostante fosse ormai evidente che il Turismo sia la spinta propulsiva economica e quindi sociale della nostra città, in nessuno dei cinque troviamo una programmazione degna di questo nome.

Ora più che mai c’è bisogno di interlocutori amministrativi disponibili e consapevoli. Il futuro Consorzio non pretende di essere il detentore della verità oggettiva, ma è del tutto evidente che quanto fatto fino ad ora, dagli anni 80 in poi, è stato estremamente fallimentare. Il materiale umano cui attinge la politica locale è stato fino ad ora evidentemente non funzionale allo sviluppo della città che è chiaramente a vocazione turistica. Quel po’ che è stato fatto non è sufficiente. Bisognerebbe avere il coraggio di riconoscere i propri limiti e puntare sulla concertazione rivolta a chi conosce a menadito i problemi e le esigenze degli operatori del settore.

In un clima di pacifica e futura collaborazione, si auspica un coinvolgimento sostanziale delle competenze cittadine finalizzato ad un rilancio forte e determinato del territorio. Possiamo e dobbiamo creare benessere attraverso lavoro e servizi. Inutile ripetere le innumerevoli potenzialità che Formia detiene. Ora bisogna rimboccarsi le maniche e costruire il futuro migliore possibile per i figli di questa terra. Un giorno non lontano, si potrà tornare a pensare che sia stata un’enorme fortuna nascere dove la montagna si sposa con il mare! “

Dimore del Sole Cna Formia Balneari Cuochi del Golfo Le due Torri Borgo di Mola

Giuseppe Ferraro Gianfilippo Di Russo Gianluigi Giornalista Luca De Meo Veronica Fedele

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui