L’autrice del canto eseguito da Fiorella Mannoia è di Aprilia

Fiorella Mannoia

Grande successo per una big habitué di Sanremo, ma ancora più grande il successo, qualunque sia l’esito perché l’autrice è della provincia di Latina, esattamente di Aprilia. Non è proprio originaria di questa città, in quanto si è stabilita ad Aprilia solo sei anni fa, nativa di Prato (14 giugno 1984), si è trasferita nella città di fondazione per amore della pallavolo, e mentre giocava si manteneva come vivaista. La sua fortuna come musicista la fa incontrando Carlo Avarello. Nel 2015 partecipò al festival di Sanremo tra le nuove proposte con il brano “Credo”, nel Festival di Sanremo del 2107 è di nuovo in gara come autrice insieme al fratello Salvatore Mineo scivendo una canzone che ha cantato Fiorella Mannoia. Il titolo: “Che sia benedetta” è un inno alla vita: chi conosce Erika, che adesso si fa chiamare Amara da un pò di tempo,  ha riconosciuto il suo stile inconfondibile nel combattere le avversità, a guardare verso il futuro sempre e comunque, un brano dedicato “a chi ha perso tutto e riparte da zero”, perché “Per quanto assurda e complessa ci sembri la vita è perfetta”. Una preghiera laica, come l’ha definita la stessa Fiorella Mannoia, signora della musica italiana che è tornata a calcare il palco del teatro Ariston senza deludere le aspettative. Il brano ha ottenuto consensi unanimi, piace soprattutto perché non è il solito lamento sanremese. Una canzone, per entrare nel cuore di chi l’ascolta, deve toccare le corde dell’anima. Deve essere poesia, passione e non una semplice esecuzione canora. “Che sia benedetta” ha centrato il bersaglio e incorona Amara come una delle cantautrici più serie e profonde del panorama musicale italiano. Aprilia dovrà andarne fiera.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *