Latina, i tifosi entrano dopo il minuto di silenzio per Anna Frank

Squadra Latina

Purtroppo l’anima di destra a Latina persiste ancora con il negazionismo della più grande strage del secolo, quella dell’Olocausto. Tutto prende spunto da quella illogica decisione di Lotito di dire quella frase durante la visita in occasione della ricorrenza degli ebrei romani, sulla quale si fece scappare delle frasi non poco felici. La Federcalcio, dopo la simpatica iniziativa della AS Toma di fare una maglietta dedicata alla celebre scrittrice ebrea Anna Frank, ecco che la massima istituzione del calcio è scesa, per usare un eufemismo, in campo. Che cosa ha stabilito? L’iniziativa della Lega Nazionale Dilettanti ha seguito la scia di quanto visto sui campi di Serie A, B e C, per stigmatizzare la diffusione di alcuni adesivi che ritraevano la ragazza tedesca, morta nel campo di concentramento di Bergen-Belsen, con la maglia della Roma. Non solo calcio giocato al ‘Francioni’. A mitigare la felicità per la vittoria con il San Teodoro, la decisione da parte della Curva Nord di accedere allo stadio dopo il minuto di silenzio in onore di Anna Frank , disposto dalla Lega Dilettanti. La decisione della Curva Nord non è però piaciuta alla società pontina, che con una breve nota apparsa sulla pagina Facebook ufficiale ha stigmatizzato il comportamento dei propri supporter: “Si stigmatizzano certi atteggiamenti e crediamo che lo sport e il tifo debba vincere sopra ogni cosa, per questo non possiamo condividere il gesto messo in atto da alcuni tifosi che non hanno voluto partecipare al minuto di raccoglimento. Lo sport deve insegnare ad aggregare e soprattutto combattere ogni tentativo di violenza e divisione. Per noi la domenica si celebra una festa e come tale va vissuta con i suoi momenti anche di riflessione come quello di oggi (ieri, ndr) in cui siamo stati consapevoli e rispettosi di un messaggio di pacificazione passato attraverso il simbolo di Anna Frank”. 

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *