Aula

E’ stato un anno scolastico vissuto all’insegna dell’incertezza, con chiusure e contagi in varie parti della regione Lazio, dove ragazzi e docenti ancora una volta fare i conti con la didattica a distanza, con classi in quarantena e lezioni sospese e durante il quale parole come contagi e tamponi sono diventate ormai di uso quotidiano. Con una lettera inviata ai dirigenti, agli insegnanti, al personale scolastico e agli studenti, l’assessore al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione Lazio, Claudio Di Berardino, ha fatto un bilancio di questo anno scolastico che si sta chiudendo e delineato i nuovi impegni in vista della riapertura a settembre. Ecco quello che ha scritto l’assessore: “Si chiude un anno scolastico difficile e impegnativo  in cui tutti noi abbiamo affrontato, ognuno per la sua parte, la gestione della pandemia da Covid-19. Dalla distribuzione delle mascherine, ai tamponi gratuiti e i vaccini per tutto il personale e per i maturandi fino al potenziamento della rete regionale del trasporto pubblico e alle risorse integrative per lo svolgimento della didattica a distanza, le iniziative offerte dalla Regione Lazio sono state molteplici. Il nostro impegno, sempre costante e sempre generato dal confronto con tutte le parti, è stato volto a contenere i contagi e a permettere la continuità delle attività formative. In vista dell’estate, anche per sanare quel vuoto di socialità che inevitabilmente si è generato, abbiamo finanziato attività integrative, a cominciare dalle gite scolastiche.Queste mie poche righe hanno l’obiettivo di ringraziarvi per il comune lavoro intrapreso. Se oggi finalmente la diffusione del virus si è fortemente ridotta, questo lo si deve sicuramente all’importante e intensa campagna vaccinale fatta dalla Regione Lazio, ma anche ai giusti comportamenti e alle scelte corrette adottate dal mondo della scuola. L’invito è di continuare ad agire in modo responsabile per sé stessi, per le proprie famiglie e amici e per la collettività. Noi, anche per il prossimo anno scolastico continueremo a porre la scuola al centro delle nostre priorità, investendo convintamente energie e risorse. Non ultimo, alle ragazze e ai ragazzi alle prese con gli esami di fine ciclo auguro un sincero in bocca al lupo.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui