L’assegnazione del premio a Francesco de Gregori alla XXIII edizione della Zampogna

De Gregori con Ambrogio Sparagna
De Gregori con Ambrogio Sparagna

Ogni anno viene assegnato un riconoscimento ai protagonisti della musica italiana per l’edizione della kermesse di cultura e musica popolare “La Zampogna” che si tiene ogni anno a Maranola di Formia, quest’anno il 16 e 17 gennaio. Questo Premio Speciale La Zampogna,  che viene annualmente riconosciuto ad un protagonista della musica italiana ed internazionale che con il suo lavoro, passione e pratica artistica, abbia dato un contributo originale al variegato mondo degli strumenti tradizionali e dei musicisti popolari (negli anni scorsi Hevia, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Nino D’Angelo, Simone Cristicchi e altri).

Ospite speciale e premiato di questa edizione Francesco De Gregori a cui si deve di l’aver reinterpretato e fatto proprio il repertorio e le sonorità della musica tradizionale. Organetti tamburelli, ciaramelle, scacciapensieri e per l’appunto zampogne sono entrati in alcuni suoi brani dandogli una sonorità allo stesso tempo antica e nuova. Di lunga data è anche la collaborazione di Ambrogio Sparagna e dei musicisti dell’Orchestra Popolare Italiana ad alcuni progetti speciali.

Ovviamente a Maranola Francesco De Gregori non farà un concerto o una esibizione musicale ma, ritirando il premio “La Zampogna 2016” all’interno della Chiesa dell’Annunziata di Maranola (h. 18.00), ci regalerà semplicemente la sua emozione di musicista attento all’Italia che risuona.

E il premio è uno strumento speciale: una zampogna tradizionale degli Aurunci costruita dal liutaio Marco Tomassi. Chissà se un giorno la sentiremo risuonare in un suo concerto. La considerazione di Gino Castaldo la esprime in una frase per quanto riguarda appunto il cantautore romano: “C’è un luogo magico e in parte misterioso che lega la tradizione folk alla canzone d’autore, una zona in cui le parole si fanno memoria collettiva, divulgazione di coscienza, condivisione. Ed è una zona che Francesco De Gregori conosce molto bene.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *