Klarida Vila

Una campagna elettorale che p entrata dìnella fase calda e l’aspirante consigliere comunale di Itri Klarida Vila della lista Promessa per Itri del candidato sindaco Giuseppe de Santis, è tornata a parlare del progetto di dislocazione delle scuole cittadine fuori dal centro, ribadendo il proprio “no” e quello dell’intera coalizione, denunciando caos e lotte intestine all’interno delle altre liste. La campagna elettorale di Itri entra nel vivo dei temi e delle proposte programmatiche che riguarderanno il futuro della città dopo l’elezione della nuova amministrazione comunale e del nuovo sindaco. Infatti, a tenere banco in queste settimane, è la vicenda del polo scolastico. Così dopo l’intervento del già sindaco di Itri e nuovamente candidato a primo cittadino Giuseppe de Santis arriva quello di Klarida Vila, candidata proprio a sostegno di De Santis nella medesima lista “Promessa per Itri”: “Ritengo che l’idea di qualcuno di spostare le nostre scuole al di fuori dal centro della nostra città sia una scelta sbagliata e che non risponde affatto alle esigenze dei cittadini, quanto piuttosto, forse, a logiche che personalmente mi sfuggono. Ne è dimostrazione il fatto che addirittura all’interno di una stessa lista, Facciamo Futuro, già si registra la prima spaccatura, e ci siano persino due diverse proposte che vanno in direzioni completamente opposte nel merito del tema e che arrivano da esponenti di spicco vicini a Fargiorgio. Insomma pare che l’ex sindaco e la sua coalizione già siano nel pieno di una tempesta che rende chiara la confusione che regna all’interno della sua coalizione. Allo stesso modo, in un mix di confusione e impreparazione, abbiamo letto le parole che arrivano da esponenti della lista “Ripartiamo con Agresti”. Infatti, pur confermando anche loro la decisione di delocalizzare il polo scolastico, emerge una totale confusione nelle menti e nei progetti di chi fa parte di questa lista e in passato ha firmato pure alcuni atti amministrativi, visto che ad esempio non potrebbe figurare l’istituto Agrario, sul quale vige la competenza provinciale. Inoltre, come ha già ricordato il nostro stesso candidato sindaco De Santis, emergono numerosi profili di violazione a chiare disposizione del Testo unico di riferimento in materia. Risulta dunque del tutto evidente che il progetto, la spesa per realizzarlo, e dunque quei quasi dieci milioni di euro fanno comodo a qualcuno. Così come risulta altrettanto chiara la nostra unità e coesione su questo tema e sul programma intero, a differenza degli altri. Le nostre scuole restano dove sono, ovvero vicino alle famiglie, ai cittadini, ai bambini, perché le scuole sono una componente fondamentale sia del nostro tessuto sociale – fatto di vicinanza, come deve essere un paese a misura d’uomo, di socialità – sia del nostro tessuto economico, che dalla rete scolastica trae una parte delle proprie economie già messe a dura prova in questi anni. Insomma il tempo degli interessi a favore dei comitati di affari e contro i cittadini è finito. Ora tocca alla nostra città, a tutti noi. Perché per quanto mi riguarda credo sia arrivato il momento di ripagare questo splendido Paese che è l’Italia, per tutto quello che mi ha dato. Credo che sia arrivato il momento di spendermi in prima persona per la mia città, la mia amata comunità, Itri, e alle prossime elezioni comunali voglio mettere impegno e lavoro a sostegno di Giuseppe de Santis, perché credo sia l’uomo giusto per riportare Itri dove merita e rilanciarla nella maniera giusta dopo un periodo così difficile. Purtroppo fin da piccola sono stata costretta e quindi abituata a conoscere le difficoltà di un Paese molto complicato, dove sono cresciuta e dove non esisteva la rivalità politica perché era una dittatura. La mia fortuna è stata quella di avere una famiglia che mi ha insegnato a rispettare e aiutare sempre chi era in difficoltà. Valori che ho ritrovato in questa bellissima famiglia rappresentata dalla coalizione di Giuseppe de Santis, dove ho deciso di mettermi in gioco e dare tutto l’aiuto possibile per stare vicino agli altri, mettermi al servizio della mia amata città e vederla rivivere come merita. A Itri sono arrivata 16 anni fa e mi sono trovata subito bene. Ora faccio parte del gruppo “Promessa per Itri” con Giuseppe de Santis candidato sindaco ed è con grande onore, spirito di servizio e alto senso di gratitudine che mi metto al servizio delle persone che mi hanno accolta e rispettata per tutti questi anni. Anche se sono cresciuta altrove, Itri è casa mia e farò di tutto per onorarla, difenderla e servirla”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui