L’arrivo di Buran in provincia di Latina

Bassiano

Massima attenzione nella provincia di Latina in vista dell’ondata di freddo che sta per abbattersi anche sul Lazio. Un repentino abbassamento delle temperature è previsto dall’inizio della prossima settimana anche nel territorio pontino, come in tutta la  regione, con la colonnina di mercurio che potrebbe scendere anche sotto lo zero.  Proprio in considerazione dei drastici abbassamenti delle temperature, con il rischio neve e ghiaccio, in via del tutto precauzionale molte delle scuole dei centri lepini resteranno chiuse nella giornata di domani, lunedi 26 febbraio. Ordinanze firmate nelle scorse ore dai sindaci di Sezze e Bassiano, Roccasecca dei Volsci, Roccagorga, Maenza, Sonnino e Prossedi. Ordinanze firmate per la chiusure delle scuole sui vari territori comunali per domani anche dal sindaco di Cori, anche per la giornata del 27 febbraio, e di Lenola, e dal primo cittadino di Priverno, Anna Maria Bilancia, che ha comunicato la decisione di tenere chiusi tutti i plessi anche attraverso la sua pagina Facebook: “Il quadro che appare è sostanzialmente di incertezza rispetto a quello che potrebbe accadere a Priverno, che contrariamente ad altri Comuni lepini è meno esposto ai rischi di grandi nevicate per la sua posizione e la sua scarsa elevazione. Altri elementi, dell’ultima ora, pur se con rammarico, ci hanno persuaso dell’opportunità di chiudere le scuole”.   Alla luce delle previsioni, l’Amministrazione Comunale di Aprilia ha disposto l’accensione degli impianti di riscaldamento nelle scuole e ha allertato il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile per quanto sarà necessario azionare nell’eventualità di un peggioramento delle attuali condizioni meteo: “Nel caso di un’emergenza ghiaccio, la Polizia Locale ha diramato una nota relativa alle indicazioni a cui gli automobilisti devono attenersi, all’elenco dei tratti stradali maggiormente soggetti a rischio e, infine, alle indicazioni per i proprietari di ogni edificio fronteggiante la via pubblica al fine di tutelare l’incolumità dei pedoni”.  E proprio l’invito ad attuare i piani di emergenza per la neve è stato rivolto dalla Regione ai Comuni. Dopo l’allerta meteo diramata ieri, sabato 24 febbraio, “si richiama l’attenzione dei Comuni sulla necessità di una puntuale messa in atto delle specifiche previsioni dei Piani di Emergenza Comunale. I Comuni, oltre all’eventuale adozione di provvedimenti finalizzati a prevenire pericoli per la pubblica e privata incolumità in ragione delle criticità che potrebbero verificarsi alla viabilità, dovranno garantire pure, quali Enti proprietari delle strade, la corretta manutenzione della rete viaria di propria competenza attraverso le operazioni di salatura preventiva e di rimozione del manto nevoso. Si rammenta, in tal senso, che è specifico onere dei Comuni dotarsi di idonei quantitativi di sale da disgelo e di adeguate attrezzature per le suddette attività. L’Astral, la Città Metropolitana e le Province, quali Enti proprietari della relativa rete stradale, dovranno provvedere alle medesime attività”. L’Agenzia di Protezione civile garantirà le attività di propria competenza attraverso uno specifico dispositivo di intervento: “Le scorte di sale da disgelo in dotazione dell’Agenzia  potranno essere utilizzate in funzione di eventuali criticità che dovessero verificarsi. In caso di necessità, per interventi di assistenza alla popolazione, è attiva h24 la Sala operativa della Protezione civile della Regione Lazio al numero: 803 555”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *