Gianni di Rocco
Gianni di Rocco

Si è vissuta la fine del campionato di C regionale dove il Formia Basketball ha affrontato la Cestistica Civitavecchia per la finale, ma purtroppo perdendola in tutte e due le gare valide, sia in casa che fuori casa, ed allora per fare un’analisi dell’andamento del campionato abbiamo incontrato coach Gianni Di Rocco per farci spiegare la sua analisi.

Ripartiamo dall’ultima partita con al cestistica Civitavecchia giocata in trasferta ….

“L’epilogo della stagione ormai tutti lo conoscono, noi abbiamo fato questa finale perdendola con il Civitavecchia, quindi è sfumata questa possibilità, questa opportunità di vincere il raggruppamento di C regionale e quindi ad accedere alla C nazionale, c’è stata probabilmente soprattutto in gara 1 qui a Formia una difficoltà, un cattivo approccio e quindi forse il vero problema di queste sconfitta con Civitavecchia è stato più in gara 1 e poi lì in gara 2 a Civitavecchia perché abbiamo avuto difficoltà soprattutto a Formia dove abbiamo fallito la prestazione un po’ tutti, e quindi ci siamo presentati lì in una partita out-out, una partita dentro o fuori, ma giocandola bene, perché abbiamo fatto una buonissima serata, per 38 minuti siamo stati noi avanti, l’abbiamo condotta sia come punteggio e sia come conduzione psicologica e tattica la partita, poi negli ultimi minuti qualche scelta sbagliata da parte nostra, qualche errore un po’ banale ha fatto sì che la partita svoltasse nelle mani di Civitavecchia, però complessivamente credo che alla fine il Civitavecchia meritatamente ha vinto, ha meritatamente vinto il doppio incontro, quindi onore al Civitavecchia, complimenti al Civitavecchia.

20 partite vinte e 4 perse, un bilancio tutto sommato abbastanza positivo e oltre le previsioni, che ne pensi?

Si, noi abbiamo perduto soltanto 4 partite sulle 24 giocate, questo numero se lo confrontiamo sulle sconfitte che hanno subito Civitavecchia ed Anzio che sono le due squadre neopromosse non c’è paragone perché Anzio ne ha subite sei, e Civitavecchia sette. Quindi questo dimostra la forza del nostro team, dimostra la qualità della stagione, dimostra che ha fatto una bellissima annata, non c’è dubbio, e noi siamo molto soddisfatti di questo, al di là che poi l’epilogo si è rivelato come ho detto prima, però rimane una dote, un tesoretto che abbiamo costruito con questi otto mesi di lavoro e sul quale andremo ad appoggiare la costruzione dell’anno prossimo, la costruzione del team, la costruzione di progetti e programmi dell’anno prossimo, direi che n0oi ringraziamo i nostri atleti, e non ci sono dubbi su questo, li ringraziamo molto per aver fatto una bellissima stagione e ne facciamo tesoro per poter aggiustare, per poter modificare quelle che a nostro avviso quelle piccole imperfezioni che abbiamo mostrato e poi provare a migliorarci ulteriormente perché in fondo l’obiettivo è questo, ossia la vittoria, come si dice, non è mai l’obiettivo, la vittoria è la conseguenza di un lavoro svolto, di un programma svolto di scelte giuste fatte all’inizio dell’anno e durante l’anno. Se fai le scelte giuste, se fai il lavoro giusto prima o poi la vittoria arriverà, noi ne abbiamo fatte 20 di vittorie e 4 sconfitte, quindi possiamo ritenerci soddisfatti della stagione, anche se è innegabile che c’è un po’ di amaro in bocca perché oramai avevamo quasi sposato l’idea che si potesse vincere la stagione e vincere il campionato, ci siamo arrivati vicini, però il bilancio se lo vogliamo fare con serietà, è sicuramente un buon bilancio.

Avete avuto quest’anno una forte affluenza di pubblico che vi ha supportato in tutte le partite casalinghe, tu ti senti di ringraziare i formiani che notoriamente non è che seguono molto la pallacanestro?

Ma noi dobbiamo ricordare e quindi va fatto che siamo una realtà giovane, Formia Basketball esiste da tre anni, anche se è stato costruito sulla base del Basket Yo e del Coccodrillo Formia, però Formia Basketball esiste da tre anni, e ha fatto tutta l’attività giovanile e da tre anni facciamo promozione, secondo e terzo anno C2, quindi siamo relativamente una società giovane e quello che hai detto, man mano stiamo prendendo pubblico al Palafavoccia, a noi ci fa piacere, dobbiamo ancora fare meglio, sicuramente il nostro pubblico ci è stato vicino, soprattutto nella parte finale quando ci sono stati i play off e ha fatto sentire la sua voce sulle tribune del Palafavoccia quindi ringraziamo tutti i nostri appassionati, speriamo di potergli dare soddisfazioni migliori nel prossimo campionato, credo che il discorso pubblico è avviato e possiamo fare meglio, però stiamo facendo piccoli passi in avanti e di questo siamo soddisfatti.

L’ultima domanda riguarda il riordino dei campionati regionali di C nazionale e di C regionale, che dall’anno prossimo saranno C gold e C silver. Voi parteciperete, almeno per il momento, nella silver o pensate di tentare il ripescaggio nella gold?

Noi a questo punto abbiamo la certezza di partecipare alla serie C silver, tutto il discorso fin da subito, fin dalla sera del 30 aprile nel post partita a Civitavecchia, il discorso è venuto spontaneo, naturale, venuto da tutti gli addetti ai lavori e cioè quello di una eventuale ammissione alla C gold, quello è un discorso che potrà prendere corpo soltanto a metà luglio, il 17 luglio ci sarà consiglio federale, e soltanto in quella sede, come prassi, che pochi giorni dopo il 9 luglio che è la data ultima per pagare la prima rata regionale, cioè le riaffili azioni di tutte le società dalla serie A fino all’attività giovanile, dicevo dopo il 9 luglio e quindi il 17 luglio, data del Consiglio federale, noi sapremo quali saranno le composizioni delle varie categorie e dei vari gironi delle varie categorie. Alla luce di quelle composizioni sapremo se ci saranno delle caselline vuote, e a quel punto noi potremo prendere delle decisioni.  Certo è che la nostra società sta finendo questo mese di maggio, che è ancora impegnata nel campionato di promozione, nel campionato di Under 19 regionale e nel campionato Under 14 regionale e tutta l’area minibasket, alla fine del mese di maggio ci riuniremo e sicuramente faremo il bilancio della stagione. Poi, dopo aver fatto il bilancio di questa, tracceremo le linee guida del prossimo anno. Credo, e lo dico non da allenatore, ma da presidente, ritengo che noi saremo attenti e vigili, avremo l’occhiolino pronto a un’eventuale possibilità di giocare la C gold, però questo senza fare passi più lunghi della gamba, con prudenza, con lo stile e quel modo di fare che ci ha contraddistinti in questi anni, cioè un passo alla volta, che è uno stile che ci ha portato fin qui e direi che è molto, quindi c’è in noi la massima attenzione per quello che saranno le possibilità che ci verranno offerte dalla federazione, però senza fare salti nel buio, senza fare salti mortali, con i piedi per terra cercheremo di fare il massimo che sia possibile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui