La vicenda di Rio Martino secondo il candidato sindaco PD Enrico Forte

Rio Martino
Rio Martino

La vicenda di Rio Martino potrebbe avere una logica conclusione secondo il pensiero del candidato sindaco del PD Enrico Forte, attualmente consigliere regionale di maggioranza del Presidente Nicola Zingaretti, e secondo quando ha affermato, questo sito deve avere una fruizione libera nella totale legalità e trasparenza.

Ma ecco quello che dice il consigliere del PD riguardo a Rio Martino: Il porto canale di Rio Martino deve poter essere fruibile, in una situazione di totale trasparenza e legalità, per la prossima stagione estiva in attesa che sia definita la vicenda dell’appalto per la realizzazione delle opere, oggetto di contenzioso in sede di giustizia amministrativa. Ritengo che per garantirne l’utilizzo potrebbe essere individuato un soggetto al quale affidare la gestione temporanea delle strutture salvaguardando così i diportisti e coloro che hanno titolo all’utilizzo dei pontili e delle strutture. La situazione nella quale si trova attualmente quello spazio è di totale stallo, risultato di una serie di problemi giudiziari, figli della poca chiarezza, di una serie di irregolarità e di un appalto per la realizzazione delle opere finito nelle aule di giustizia. Oltre ad una inchiesta della Procura della Repubblica che risale al 2013 e che aveva avuto come esito il sequestro dei pontili e delle altre strutture, è ancora in attesa di essere definito l’iter dell’appalto conteso tra l’associazione di imprese che nel 2014 si era aggiudicata la gara e la seconda ditta, vicenda anche questa finita nel mirino della magistratura che ha aperto un’inchiesta per turbativa d’asta. Alla Ati composta dalla napoletana Icad Costruzioni Generali e dalla pontina Poseidon Service di Delle Cave la Provincia aveva infatti revocato l’affidamento dei lavori assegnandoli all’associazione di imprese composta dalla Schiavo di Salerno e dalla Ircop di Roma, il tutto mentre senza attendere l’esito dei ricorsi prima al Tar poi al Consiglio di Stato dei due operatori contendenti. La situazione è quindi di totale incertezza e, a parte gli esiti giudiziari dell’intera vicenda, i lavori per la realizzazione del porto sono fermi da tempo. Credo che nelle more dell’esito dell’operato della magistratura a diversi livelli, potrebbe essere ripristinato l’utilizzo del porto canale per la prossima stagione estiva individuando un soggetto al quale affidare la gestione temporanea del sito, nella totale trasparenza e nel pieno rispetto dei vincoli esistenti. In questo modo gli attracchi potrebbero essere regolamentati e fruibili per fini turistici in attesa della realizzazione delle opere previste dalla gara.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *