La testimonianza di padre Benjamin a Passepartout

Locandina intervista padre Benjamin
Locandina intervista padre Benjamin

Il dramma della Siria è sotto gli occhi di tutti e gli ultimi fatti sanguinosi ne sono la testimonianza, ma tuttavia ci sono uomini che sono seminatori di pace. Uno di questi è padre Benjamin, il quale è un uomo di fede, un sacerdote certamente sui generis, una persona che ha saputo coniugare la vocazione con il coraggio e l’ardimento delle sue iniziative anche “diplomatiche”, in favore della causa medio orientale e non solo, mettendo in risalto le ipocrisie di alcuni ambienti politici internazionali e di una parte del clero. E’ il maggior esperto dell’Iraq, una nazione profondamente ricca di cultura ed intrisa di una sua radicata religiosità, che prima dell’assalto criminale americano del 2003 era rispettosissima delle differenze religiose (sunniti, sciiti, cristiani). Oggi questo paese è dilaniato dalla diaspora interreligiosa ma anche crocevia di interessi economici giganteschi. Il suo ultimo libro “Iraq l’effetto boomerang” è l’analisi spietata, puntuale ,dettagliata, delle amnesie, delle colpe e dell’ipocrisia del cosiddetto mondo occidentale, degli usa e dei suoi più fedeli alleati, è una precisa radiografia dello stato attuale delle cose in quel paese: le varie organizzazioni, le strutture logistiche e la capacità da parte dello stato islamico di reclutare i giovani europei che partono per la jihad in quell’area geografica. Ci aiuterà ad intervistare padre Benjamin un ospite speciale, anch’esso grande conoscitore della storia recente di quell’area geografica che va dalla Palestina, alla Siria, all’ Iraq, il giornalista e scrittore Sandro Provvisionato, che è stato uno dei primi ad intervistare padre Benjamin. L’incontro sarà l’occasione per la proiezione di diapositive e filmati originali che i canali nazionali e le reti private non osano far vedere all’opinione pubblica. Appuntamento sabato 23 gennaio presso l’Associazione Passepartout in Via Nicolosi a Latina.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *