Ritorno al passato: Il giovane ‘doctor Spock’ dello Star Trek di J.J. Abrams e Sylar, il villain protagonista della serie tv Heroes, avvistato il 27 febbraio nella centralissima piazza Cavour del borgo sud-pontino. È stato protagonista delle riprese di una nota docu-fiction USA incentrata sulle origini dei personaggi famosi. Non saranno stati forse tanti gli abitanti di Lenola, borgo sud-pontino immerso nel Parco dei Monti Aurunci, in grado di riconoscere nella centralissima piazza Cavour, il famoso attore e produttore di Hollywood Zachary Quinto. Eppure, forse, avrebbero potuto capire tutto partendo proprio dal cognome del 42enne, star USA protagonista di capolavori cinematografici come lo Star Trek di J.J. Abrams e la fortunata serie tv Heroes (dove ha vestito i panni del cattivissimo Sylar). John, il padre di Zach, barbiere italo-americano di Pittsburgh scomparso quando Zach aveva appena 7 anni, era proprio figlio di Zaccaria, il nonno dell’attore nato proprio a Lenola.  A fare da ‘gancio’ e a vivere da co-protagonista per un giorno, accanto al celebre attore, le riprese girate ieri nel centro storico lenolese dalla troupe statunitense del noto programma americano Who do you think you are?’ è stato Gianfranco Quinto, che ha fatto per l’occasione da vero e proprio anello di congiunzione tra Zachary e le sue radici lenolesi. Accompagnato dal fratello maggiore Joe, Zach ha ripercorso in su e in giù le stradine del paesino ciociaro delle sue origini, scoprendo attraverso alcune fotografie e i racconti di Gianfranco aneddoti legati alla propria famiglia e visitando la casa da cui, ormai tanti anni fa, partirono i suoi avi. Culminata con la visita al Municipio e all’attuale primo cittadino di Lenola, Fernando Magnafico, grazie al quale Zachary ha potuto osservare e riprendere con il telefonino, dall’alto della torre civica, la vista del ‘suo’ borgo e della basilica dedicata alla Madonna del Colle, prima di concludere la propria avventura lenolese a pranzo in un noto ristorante del posto, mangiando alcuni dei piatti tipici della tradizione di Lenola.  Una giornata davvero molto ‘speciale’ per lui e per i tanti curiosi che, ignari della fama del giovane in ‘chiodo’ nero che si aggirava curioso per le strade del centro storico, si sono fermati a osservarlo, incuriositi forse di più dalle telecamere e dall’accento spiccatamente americano degli operatori e dei tecnici al seguito.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui