Pontina

Alla fine chi ha protestato per il cambimento di questo pèrogetto per realizzzare la Roma – Latina è rimasto con le pive nel sacco: infatti la società Autostrade per il Lazio dovrà seguire il vecchio bando di gara per l’affidamento della progettazione e realizzazione della Roma-Latina e del collegamento autostradale Cisterna-Valmontone. Questo colpo di scena è stato determinato dal Consiglio di Stato che ha emanato una sentenza che ha accolto il ricorso del consorzio Sis il quale aveva chiesto che la stazione appaltante applicasse la precedente sentenza dello stesso Consiglio di Stato del 2018 che aveva “annullato gli atti della procedura ristretta per l’affidamento in concessione delle attività di progettazione, realizzazione e gestione del Corridoio intermodale Roma–Latina e collegamento Cisterna–Valmontone, di cui al bando di gara di Autostrade del Lazio spa”. Il pronunciamento accoglieva il rilievo sulla illegittimità della formula matematica prevista nella lettera di invito per l’assegnazione dei punteggi alle offerte economiche in relazione all’utilizzo del contributo pubblico stanziato per realizzare l’infrastruttura autostradale e stabiliva l’obbligo per Autostrade del Lazio “di rinnovare la gara a partire da tale segmento risultato illegittimo” cosa che però non è accaduta. Autostrade per il Lazio ha fatto rilevare che nel progetto era stata apportata qualche modifica ma per il Consiglio di Stato tale elemento non incide sul fatto che “la stazione appaltante non può sottrarsi agli obblighi derivanti dalla precedente sentenza e deve dare corso all’invio ai concorrenti della lettera di invito parzialmente annullata nel giudizio di cognizione e con rimozione dei vizi accertati.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui