Dopo l’intervento iniziale del presidente del Circolo Nautico Caposele Raffaele  Giarnella, ecco che una delle socie del circolo, figli dell’indimenticato fondatore dello stesso circolo Peppe Capolino, Francesca Capolino, che ha dato il benvenuto a tutti per la regata della famiglia Capolino, per ricordare colui che è stato uno dei più importanti velisti del Golfo di Gaeta, e di Formia in particolare. Una parte della famiglia è rimasta a Milano, ma comunque non ha sminuito l’importanza della regata, che ha visto l’iscrizione di ben 18 barche che si sono presentate a questa sesta edizione alla regata. Una regata che si deve svolgere in un clima familiare, dove tutti si devono divertire. Il padre di Francesca, Peppe, è stato uno di quelli che ha fondato il circolo, un circolo che ha fatto d’apripista e dove ci sono stati dei circoli molto fiorenti, e quindi sei anni fa si è iniziata questa tradizione bella e quindi il direttivo del Circolo Caposele spalleggia con forza l’iniziativa della regata dedicata alla Famiglia Capolino. Una tradizione che piano piano sta crescendo, dove le barche invece di diminuire aumentano per questa “veliata” che si posiziona come calendario, nel mese di luglio, e si sono ricordati altri due elementi della famiglia che non ci sono più, Sergio Capolino e Paolo Bevilacqua, due persone ai quali piaceva il mare – e come non dire il contrario – e quindi ricordarli in questo giorno è stato veramente molto bello ed edificante anche per quelle nuove generazioni che si stanno affacciando a questo bellissimo mondo della vela. Quindi alla fine dell’intervento si sono distribuiti degli omaggi per tutti gli equipaggi delle barche, ed alla fine Francesca ha passato la parola per gli aspetti tecnici al direttore tecnico della gara, Antonio Cianciaruso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui