banner 728x90
Colonia Di Donato

E ‘ una  storia che ha il suo antefatto nel lontano 2008, quando la giunta Forte, espressione della maggioranza del centro destra che aveva vinto le elezioni amministrative contro l’uscente Sandro Bartolomeo, aveva fatto ci che in accordo con l’IPAB Santissima Annunziata, cedesse per 25 anni in comodato d’uso un bene importante per la parte alta della città, ossia la ex Colonia Di Donato, per formare un  centro di accoglienza. La morale della favola e che questi lavori, che dovevano essere a carico dell’IPAB, non si sono mai effettuati, ed ovviamente, quando c’è stato il mandato del Bartolomeo quarter, i cittadini si sono sentiti defraudati di questo bene, tanto che è dovuta intervenire la Guardia di Finanza che ha eseguito un mandato della magistratura al sequestro preventivo del bene. Un’area di circa 25 ettari di superficie piana, dove è presente anche un parcheggio, un area di parcheggio che serve gli utenti in quella zona, e lo stesso Bartolomeo andò a perorare la causa che fosse consentito almeno l’uso di quello spazio esterno, vitale per gli usi della città. Un consigliere comunale, Ciaramella, ha fatto alcune interrogazioni su questo problema ( si dice, non si sa quanto sia vero, che abbia un interesse particolare su questa zona) ma nulla è stato fatto. Pertanto con l’atto n. 72 dell’8 maggio, il commissario prefettizio Maurizio Valiante ha dato mandato all’Avvocatura comunale di seguire il caso in Tribunale. Infatti, nel test della delibera si legge che il Comune di Formia intende  “ costituirsi parte civile nel procedimento penale R.G.N.R. n 212/2017 pendente presso il Tribunale di Cassino, di nominare allo scopo predetto l’Avvocatura Comunale, in persona dell’Avvocato Domenico Di Russo, incaricandolo per la difesa dell’Ente in ogni fase, stato e grado di giudizio e conferendogli ogni facoltà di legge, di dare atto che il presente atto non comporta impegno di spesa, fatte salve le disposizioni di cui al C.C.N.L. ed al regolamento comunale per la corresponsione dei compensi professionali agli avvocati interni, di rendere la presente delibera immediatamente eseguibile, ai sensi del 4° comma dell’art. 134 del D. Lgs 267/00.” Adesso si attenderanno gli sviluppi su questa vicenda, anche se qualcuno ha già detto, ma ovviamente in mala fede, perché questo processo non è iniziato quando il sindaco uscente Sandro Bartolomeo non era ancora in carica.

banner 728x90