La Provincia di Latina ricorre al dirigente di Frosinone per la segreteria tecnica dell’Ato4

Il presidente della Provincia di Latina Medici

Una provincia di Latina che cambia il dirigente per la segreteria tecnica dell’Ato4: il Presidente della Provincia Carlo Medici ha approvato un accordo per la gestione associata delle attività e delle competenze dirigenziali delle Segreteria tecniche operative dell’Ato 4 (Latina) e dell’Ato 5 (Frosinone). Il territorio pontino beneficerà della figura dirigenziale della Segreteria tecnica ciociara. L’adozione del decreto si è resa necessaria considerato che “dal 16 dicembre 2018 nella Segreteria tecnico operativa dell’Ambito territoriale ottimale 4 non sono presenti figure dirigenziali, né tantomeno la Regione Lazio ha provveduto a nominare con proprio decreto il dirigente responsabile della Sto”. Il provvedimento è stato adottato “per motivi di urgenza al fine di evitare rallentamenti o pregiudizi all’attività amministrativa connessa ai complessi e rilevanti procedimenti di competenza della stessa Segreteria”. La Provincia di Latina  non è nella condizione di attingere alla propria struttura come è accaduto fino ad un anno fa. Ha spiegato il presidente Medici: “Si tratta di una figura fondamentale  in assenza della quale non possiamo convocare l’assemblea dei sindaci che deve provvedere all’approvazione della tariffa, rischiamo anche di perdere consistenti finanziamenti e non abbiamo il potere di assumere il personale necessario. Ringrazio l’Ato 5 di Frosinone per esserci venuta in aiuto mettendoci a disposizione il proprio dirigente, a fronte di una Regione che negli ultimi 18 mesi nonostante continue richieste da parte della Provincia non ha provveduto alla nomina”. La Convenzione approvata prevede una gestione in forma associata da parte di Ato 4 e Ato 5 di tutte le attività relative alle competenze della funzione di direzione preposta alla pianificazione e controllo delle rispettive Segreterie tecniche operative fino al 31 dicembre prossimo.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *