Procura della Repubblica di Latina

La Procura della Repubblica di Latina si sta avviando ad una progressiva ripresa delle attività allentando, anche se di poco, le misure adottate in queste settimane per il contenimento del Coronavirus. In un ordine di servizioche entrerà in vigore il 12 maggio e sarà operativo fino al 31 maggio, il Procuratore della Repubblica Giuseppe De Falco ha reso note le nuove disposizioni organizzative per gli uffici di via Ezio. Restando ferma la prescrizione di privilegiare la trattazione delle richieste che rivestono carattere urgente e lasciando invariate le misure sanitarie relative all’accesso agli uffici di via Ezio, viene stabilito un cauto ampliamento delle possibilità di afflusso del pubblico: gli uffici saranno operativi in alcuni giorni della settimana ma l’accesso di avvocati, giudici, polizia giudiziaria e pubblico è consentito sempre previo appuntamento.  L’archivio della Procura sarà aperto solo il 18 e il 25 maggio mentre per sabato 9 e domenica 10 è in programma un nuovo intervento di sanificazione di entrambe le palazzine di via Ezio. De Falco ha rivolto  inoltre un invito affinché, “vista l’attuale situazione di estrema criticità degli istituti penitenziari si valuti con estrema cautela per i casi di fermo il requisito del pericolo di fuga e i presupposti per avanzare le richieste di misura di custodia cautelare in carcere privilegiando, ove possibile, il ricorso a misure quali gli arresti domiciliari con l’obbligo del braccialetto elettronico, l’obbligo o il divieto di dimora”. In altre parole il procuratore capo di Latina ha chiesto, qualora fosse possibile si chiede di privilegiare l’applicazione di misure alternative alla detenzione in carcere per evitare di incrementare il numero dei detenuti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui