Cartellone della Traviata del 1853

Il 6 marzo del 1853 c’è stata la prima rappresentazione della Traviata a Venezia, su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dal celebre e contemporaneo “la Signora delle Camelie” di Alexandre Dumas. La rappresentazione di quest’opera fu un fiasco memorabile, soprattutto se paragonato all’enorme successo che avrebbe avuto in seguito. Verdi non si scompose, e il giorno seguente scrisse una lettera per giustificare l’insuccesso dove si evince questa frase: “La Traviata, ieri sera, fiasco. La colpa è mia o dei cantanti? Il tempo giudicherà”. In effetti la scelta dei cantanti non fu delle più felici. Il ruolo della protagonista fu affidato a Fanny Salvini Donatelli, anche se Verdi aveva espresso parere contrario: era di età troppo avanzata per quel ruolo, non sarebbe stata credibile; per quella parte era più adatta “una donna di prima forza” ma per ragioni contrattuali non si poteva fare altrimenti e a Verdi toccò arrendersi. Fanny Salvini Donatelli vocalmente si dimostrò all’altezza del ruolo ma non lo interpretava in modo realistico e, come previsto, il suo fisico non era adatto alla parte: troppo in carne per rappresentare la malata e morente Violetta e il pubblico rise. Il baritono Felice Varesi non dette il meglio di sé, forse anche perché era deluso dal fatto di avere poco da cantare in confronto ad altre opere. Per l’inadeguatezza degli interpreti, per la novità della forma e per il soggetto scabroso, il pubblico reagì con i fischi. Le rappresentazioni successive furono accolte già meglio; intanto Verdi calcava la mano sull’insuccesso per far sì che in futuro le sue opere non fossero più distribuite senza la sua supervisione e senza la sua approvazione. Dopo circa un anno, Verdi rielaborò alcune parti della  Traviata (piccole modifiche di stile), e quando, il 6 marzo 1954 la Traviata viene messa in scena di nuovo a Venezia al Teatro San Benedetto, il pubblico la accoglie con fragorosi applausi. È un vero e proprio trionfo. Da allora  La Traviata fu rappresentata ovunque, in Italia e nel mondo, riscuotendo grande successo. Solo a partire dal 1906 cadde l’usanza di ambientarla nel Settecento e si cominciò a rappresentarla con scene e costumi del 1850, rispettando l’originaria concezione dell’autore. Tutt’ora   la Traviata è una delle opere più rappresentate al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui