Conferenza

Ormai si contano le ore per quella che è diventato l’evento sportivo più importante di latina, presentato nella sede del Birrificio East Side di Latina, stiamo parlando della quinta edizione del Reale Mutua Latina Vertical Sprint in programma domenica 14 gennaio.. Al tavolo dei relatori ci sono stati l’assessore allo sport del Comune di Latina, Felice Costanti, il referente provinciale Opes, Daniele Valeri, gli imprenditori Antonio Pierro (Reale Mutua), Elena Nardone (Linea Snella), Alberto Spagnoli (Latina Runners) e ovviamente uno dei padroni di casa di East Side, Alessio Maurizi. Si è parlato dunque di sport, benessere e cultura dei luoghi, e di come la disciplina del vertical ha contagiato Latina. Il gigante era gia presente da tempo, la Torre Pontina che sovrasta il resto della città con i suoi 128 metri di altezza (151 con l’antennone), 38 piani e 737 scalini; nel 2014 è partita così la prima edizione di un evento ad oggi unico in Italia per quote superiori ai 100 metri e tappa fissa del circuito mondiale Towerrunning. Tutto è nato dall’idea di fare sport all’interno dell’ Empire State Building, che sarà una delle scalate successive a Latina, con Dallas, ad Indianapolis, Chicago, Torre Eiffel di Parigi, fino ad arrivare in Germania, Polonia, Inghilterra e Cina. Con il Patrocinio morale del Comune, il Reale Mutua Latina Vertical Sprint fa parte del Circuito in Corsa Libera dell’Opes, egida della Fidal; è organizzato da Alberto Spagnoli (Latina Runners), Cristina Maione (Maione Store), Antonio Pierro (Reale Mutua) ed uno staff allargato di collaboratori. Gli atleti provengono da ogni parte del mondo e d’Italia: Messico, Francia, Lussemburgo, Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Abruzzo, Campania, Sicilia, ovviamente tutto il Lazio, molta provincia di Roma, Frosinone e Latina chiaramente in maggioranza. Ci sono a disposizione gli ultimi posti per partecipare ad una gara a numero chiuso. Ai nastri di partenza podisti, ciclisti, atleti di cross fit, corsa in montagna, triathlon, spantan race, skiroll etc. Salvatore Ferrara, siciliano di Taormina, classe 1948, è il veterano del gruppo. La più giovane è Amandine Bertrand, 23 anni, francese di Sainte-Foy-lès-Lyon, comune che confina con Lione. Sono aumentate le donne, più di 30 ai nastri di partenza. Il più veloce degli uomini è stato finora lo slovacco Thomas Chelko, che in 3 minuti, 14 secondi e 23 centesimi ha scalato la Torre Pontina; per le donne l’atleta della Repubblica Ceca, Lenka Svabikova: 4 minuti, 17 secondi e 55 centesimi per lei. Quest’anno però tra gli uomini non ci sarà proprio Chelko, cosa che potrebbe favorire Fabio Ruga, La Recastello Radici Group e Sergio Contenta, Asd Roccagorga, che lo scorso anno sono giunti rispettivamente secondo e quinto. Tra le donne la Svabikova ha invece annunciato la sua presenza; proverà di nuovo a contrastarla la lombarda Ivonne Martinucci, mentre ritorna anche Cristina Bonacina, della Talamona Sondrio, vincitrice della prima edizione. Due le manche in programma. Partenze scaglionate nella prima, ogni 15-20 secondi. Nella prima i big partono per primi. La seconda manche, alla quale si qualificano i dieci migliori tempi maschili e i 5 migliori tempi femminili, sarà una crono a tutti gli effetti. Le partenze dal decimo al primo per gli uomini e dalla quinta alla prima per le donne non avverranno più in griglia a distanza di due metri secondo la pole position, ma saranno scaglionate con una maggiore tempistica per evitare “tamponamenti” o sorpassi lungo il tragitto. Una crono senza avversari come ostacoli, in cui si stabilirà il tempo effettivo per raggiungere la terrazza. Tutti coloro che completano il percorso riceveranno la Finisher, la medaglia celebrativa dell’evento. Oltre ai primi assoluti (dieci uomini e cinque donne), saranno premiati i primi 3 di ogni categoria ( categorie M e F; anni: 18-29;30-39;40-49;50-59;60 ed oltre ). I premi non sono cumulabili. Inoltre premi per chi verrà da più lontano; il gruppo più numeroso; la maschera più simpatica; il miglior team ( somma dei migliori 5 tempi ) e il miglio triathleta.

Non solo ai fini del regolamento, ma anche per consentire al pubblico di seguire da terra il Reale Mutua Latina Vertical Sprint, sarà possibile vedere le immagini in tempo reale proiettati sui monitor allestiti ai piedi della Torre Pontina, dove comparirà anche la classifica in tempo reale. Tra le curiosità presenti di questa edizione, ci sarà  il pugliese Daniele De Martinis, vice campione mondiale di retro running, che salirà gli scalini all’indietro. Poi ci sarà il circuito di street trial, dove Matteo Corvo sfoggerà le sue evoluzioni in bike.

Il programma di domenica 14 gennaio è il seguente:

8.00 – Ritrovo all’ingresso del Grattacielo “ La Torre Pontina “ in via Ufente 24.
9.00 – Inizio visite guidate
9.45 – Breafing con gli atleti
10:00 – Partenza gara (prima manche)
11.15 – Finale donne
11.25 – Finale uomini
11.50 – Premiazioni
12.00 – Pasta party

Il ritiro dei pettorali è fissato per  sabato 13 gennaio presso il Maione Store (via Tiziano 13 a Latina – telefono 0773-368960, fax 0773-691981 e la mattina della manifestazione (per i non residenti a Latina) dalle ore 8.00 alle 9.30 presso il piazzale antistante la partenza.

Non solo sport ma anche cultura e natura. Infatti la Torre Pontina non sarà solo degli atleti, perché il 14 gennaio diverse saranno le iniziative a favore del pubblico per vivere il grattacielo. A partite dalla base, il piazzale, dove verrà allestito un villaggio vertical”. Tra le attrazioni principali una parete artificiale da scalare gratuitamente. Il personale della Jungle Rock darà tutte le indicazioni del caso in merito alla tecnica da utilizzare per arrivare con ancoraggi e imbracature un’altezza che oscilla tra i sette gli e otto metri. Un’altra iniziativa è la visita panoramica gratuita dell’Agro Pontino e della città di Latina dalla Torre Pontina. Una idea in collaborazione con il Centro Turistico Giovanile Latina Initinere. Una straordinaria visita dall’alto durante la quale lo storico dell’arte il professor Vincenzo Scozzarella illustrerà da un punto di vista storico e morfologico il suggestivo paesaggio pontino, dai monti Lepini ai laghi costieri, dal promontorio del Circeo alle Isole Ponziane. Un modo per riscoprire le bellezze del territorio, i luoghi storici e gli edifici di fondazione da un altro punto di vista. Saranno possibili visite da gruppi di  5 a 10 persone, dalla terrazza o dalla vetrata del 35° piano, secondo le esigenze della gara per evitare disguidi. Per la partecipazione  basta una registrazione al desk informazioni nel Villaggio ai piedi della Torre Pontina. Il Vertical è per tutti e quindi anche i bambini potranno divertirsi nei percorsi ludici della Compagnia di Pinco Panco. Al termine delle gare, saranno premiati dall’organizzazione con le medaglie da veri sportivi.  Oltre allo sport anche giochi e animazione per i piccoli, affinché tutti ma proprio tutti avranno difficoltà ad annoiarsi. Saranno presenti al Vertical i ciclisti dell’associazione Tevere in Bici  che è una associazione sportiva impegnata nel sociale, nella tutela dell’ambiente, della natura, del patrimonio storico culturale, artistico ed enogastronomico, e sempre grazie all’uso della bicicletta. Con l’intento di valorizzare il cicloturismo nel territorio pontino, nasce il calendario, in vendita domenica, degli scatti su dodici località tra le più rappresentative della Provincia di Latina. Ogni mese le foto sono arricchite da contenuti interattivi: un QR-code vi guida in un percorso cicloturistico da scoprire con descrizioni, livelli di difficoltà, mappe, tracce GPX scaricabili, foto e cenni storico-paesaggistici.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui