Computer

Primi confronti tra la Regione Lazio e le forze sindacali sull’avvio della fase 2 che prevede la riapertura di una serie di attività. Il presidente Nicola Zingaretti ha illustrato in videoconferenza con sindacati, Prefetti e associazioni datoriali, il piano di riapertura delle attività del Lazio che sarà varato successivamente a quello nazionale che il Governo licenzierà nelle prossime 48 ore-. Zingaretti ha previsto per alcune attività l’obbligo di indossare i DPI, per altre, invece, azioni da mettere in campo che dovranno osservare prudenza, prevenzione, protezione e progettazione. La riapertura di negozi, bar e ristorantidovranno osservare cautela e le disposizioni sulle distanze sociali (da 1 metro e 50 ai 2 metri) all’interno dei locali riorganizzando gli spazi. Questo varrà anche per i lavoratori delle industrie, per i quali ci sarà la misurazione della temperatura, la rotazionee la mappatura dei contagi per controllare da vicino la situazione. Le linee guida dettate saranno poi riviste e riadattate in base alle esigenze di ogni territorio. Si punta a tornare alla normalità lavorativa a piccoli passi mettendo la salute al primo posto. Tra i temi toccati più critici riguardanti l’organizzazione del trasporto pubblico, gli orari di apertura delle attività ed i percorsi all’interno degli stessi per evitare assembramenti. Ha spiegato il segretario dell’UGL Lazio Armando Valiani:  “La Regione Lazio è in linea con le altre Regioni che da qualche settimana hanno iniziato a varare i piani strategici per la ripresa economica dei territori. Pensiamo che sia fondamentale ragionare sui trasporti dove l’assembramento delle persone è una possibilità concreta e sugli orari di apertura. Il tutto deve essere accompagnato dalla sburocratizzazione delle pratiche e la semplificazione delle procedure. Abbiamo chiesto, lì dove è possibile, il rafforzamento dello smart-working oggi più che mai arma fondamentale per combattere il contagio e l’apertura di tavoli tematici su settori come industria, servizi, cultura e alberghiero che, in questo momento stanno subendo i danni maggiori e per i quali occorre liquidità e aiuto immediato. Ad oggi la sanità è il comparto più colpito e molte strutture necessitano ancora di camici, mascherine e sanificatori. La curva dei contagi è in calo, ma non ci possiamo di permettere di abbassare la guardia. Abbiamo bisogno di gestire l’emergenza sanitaria e, passo dopo passo, ristabilire la normalità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui