Controlli

Sono state 97.702 le persone controllate sul territorio pontino dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, quasi 53mila dal 15 al 31 marzo e il resto nella prima settimana di aprile. Uno spiegamento di forze enorme per verificare il rispetto dei provvedimenti governativi emanati per contenere i contagi in tutto il Paese. Il totale dei denunciati ai sensi dell’articolo 650 del Codice penale, per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, è di 1551, 11 sono invece i cittadini denunciate per false attestazioni, 3 quelli denunciati per essersi allontanati dal proprio domicilio nonostante fossero positivi.Quarantacinque le denunce a piede libero per altri reati scattate nei vari comuni della provincia durante i controlli delle forze dell’ordine legati al Coronavirus.  Il bilancio di un mese circa di attività è stato reso noto dalla Prefettura che il 9 aprile, in prossimità delle festività pasquali, è tornata a riunire  in videoconferenza il Comitato per l’ordine e la sicurezza in collegamento con i 33 sindaci e con i rappresentanti delle forze dell’ordine.  Sono 14.274 le attività ispezionate dal 15 marzo all’8 aprile, tra imprese e attività commerciali. I controlli hanno riguardato sia le aziende rimaste aperte per decreto sia le attività commerciali per le quali era stata imposta la chiusura. Sette i titolari denunciati per non aver rispettato i decreti, nove quelli sanzionati amministrativamente, due le attività chiuse ai sensi del decreto del 25 marzo. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui