La Polizia Stradale scopre a Prossedi una centrale per riciclare auto rubate

Polizia Stradale

Una mirata attività d’indagine della squadra di polizia giudiziaria della Polizia stradale di Latina ha   individuato a Prossedi un’area adibita al riciclaggio di veicoli. Apparentemente si trattava di un’officina per la vendita e la riparazione di auto, ma i controlli hanno consentito di scoprire 10 vetture (tra Fiat Panda, Alfa Romeo e Fiat Doblò) il cui telaio risultava essere stato contraffatto attraverso dei punzoni alfanumerici. Il materiale rinvenuti e i veicoli sono stati sottoposti a sequestro.  Le indagini hanno poi dimostrato che l’indagato, P.G., di 49 anni, residente proprio a Prossedi, acquistava documenti di circolazione esteri di vetture che in quei Paesi erano destinate alla rottamazione e poi, attraverso false fatture di acquisto, simulava la loro importazione in Italia predisponendo le nazionalizzazioni presso la Motorizzazione, ottenendo così targhe e carte di circolazione italiane. Le attività di ispezione e controllo hanno fatto scattare anche il sequestro dell’intera area adibita anche a carrozzeria, gommista ed elettrauto, insieme a tutte le attrezzature utilizzate, che saranno poi soggette a una successiva confisca e distruzione. Elevate sanzioni amministrative per 10mila euro. Il 49enne è stato invece denunciato all’autorità giudiziaria a piede libero per riciclaggio di veicoli, falsità materiale, falsità ideologica, reati consumati in concorso con altri complici ancora in fase di identificazione.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *