La musica per salvare i giovani dalla schiavitù e dalla violenza

Concerto di Natale in Vaticano

I giovani sono il futuro dell’umanità e bisogna aiutali attraverso l’educazione, la scuola, l’istruzione. In un articolo tratto dal nuovo sito di comunicazione del Vaticano si dice che  il comune denominatore dei due progetti che il Concerto di Natale in Vaticano potrà sostenere, l’uno di Scholas Occurrentes ,che vuole intervenire sulla piaga del bullismo e l’altro promosso dalla Fondazione Don Bosco nel mondo, per aiutare i bimbi schiavizzati nelle miniere della Repubblica Democratica del Congo.

Artisti di diverse nazionalità si sono alternati  in Aula Paolo VI offrendo la loro creatività per inviare al mondo un messaggio di “pace, tenerezza , accoglienza”, come ha chiesto loro il Papa  ricevendoli in udienza E’ stato un momento molto bello” racconta  al microfono di Federico Piana, mons Vincenzo Zani, segretario della Congregazione per l’Educazione Cattolica, che organizza l’evento:  “Il Mistero del Natale ci aiuta a spalancare la nostra coscienza e a guardare chi vive in difficoltà e l’arte in particolare riesce, come ci ha detto il Papa a toccare i registri più intimi e a seminare tenerezza. Il Santo Padre non si stanca di dire che per educare servono tutti i linguaggi, della mente, del cuore e delle mani”. Al termine dell’udienza con il Papa, l’ispettore dei salesiani nell’Africa centrale don Albert Kabuge si è espresso così:   “Quando tornerò nel mio Paese, la Repubblica democratica del Congo, racconterò ai bambini innanzitutto che il Papa ha mandato loro il suo saluto e un messaggio di speranza, chiedendo nei loro piccoli cuori e nelle loro piccole azioni, di coltivare la pace”. La Congregazione, grazie al Concerto, riceverà sostegno per i missionari che nel sud e nell’est del Paese grazie a scuole e strutture formative, accolgono i bambini sottratti al lavoro delle miniere, dove in condizione di semischiavitù, sono costretti ad estrarre il coltan, prezioso e indispensabile minerale per la costruzione di computer e smarthphone.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *