La mostra di Alessandro Dupré alla Bottega Artigiana Rosati di Latina

Locandina mostra Duprè
Locandina mostra Duprè
Ingresso galleria Rosati
Ingresso galleria Rosati
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè
Duprè

Alessandro Dupré è un artista di Latina, che è nato esattamente nella città di Latina nel 1987 e ha cominciato il suo percorso artistico presso le Accademie delle Belle Arti di Roma prima e di Salamanca poi. Adesso si sta affacciando al mondo dell’arte dell’800, dove il neoclassicismo e le altre scuole pittoriche di quel periodo si vanno perfezionando nella Florence accademy of Art di Firenze, dove lui si sta specializzando. Il suo pensiero si può sintetizzare in una frase che il nostro valente pittore pontino ha scritto nel pieghevole per la presentazione di una sua personale nella Bottega Artigiana Rosati di via Cesare Battisti a Latina, che mette in risalto tutta la sua personalità di pittore: “Credo che la pittura figurativa sia il risultato della tensione tra gli aspetti mistici ed oggettivi della realtà. La mia sfida da pittore realista è di rappresentare questa tensione. I maestri del passato sono una fonte decisamente inesauribile di ispirazione. La bellezza e la potenzialità evocativa del colore ad olio sono per me la cosa più affascinante che esista.” Proprio la sua arte ci ha fatto vedere che la sua mano è sicura, sia per gli oli  su tela che nella mostra sono bene evidenziati, sia sui carboncini su carta dove il bianco e il nero hanno una certa visibilità sopraffina e luminosa. Il suo modo di dipingere lo ha detto lui stesso, e si avvicina a quelle tecniche pittoriche ottocentesche me mettevano in risalto la realtà, in particolare se mi posso esprimere in positivo, in quella scuola del neo realismo pittorico francese del tardo ottocento che metteva in risalto le figure della vita quotidiana nude e crude, senza l’interpretazione dell’artista. Questo pittore ormai prossimo alla trentina è ancora giovane e deve sicuramente far vedere il meglio di se nel suo percorso artistico, ma i nudi, le nature morte rappresentate in questa mostra sicuramente fanno emergere in modo chiaro il suo talento cristallino nell’espressività delle forme e nella lucentezza dei colori ad olio che come lui ha detto siìono i suoi preferiti nel lavoro che svolge con la pittura. Ci si attendono grandi cose dunque da Duprè nel prossimo futuro.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *