La mostra al museo di Piana delle Orme a Latina dal titolo: “La guerra elettronica: da Tsushima ai satelliti”


Locandina

C’ è un nuovo ed interessante evento per tutti gli appassionati di storia e di elettronica è in programma presso l’area espositiva del Museo di Piana delle Orme.
Si tratta di una mostra storico documentaria “La guerra elettronica: da Tsushima ai satelliti” organizzata dall’Associazione “Quelli della Radio – APS” in collaborazione con il Museo. Per guerra elettronica si intendono tutte le contromisure militari avviate grazie all’elettronica: apparecchiature per le comunicazioni, intercettazioni, sistemi radar sempre più sofisticati fino arrivare agli odierni satelliti che possono localizzare qualsiasi cosa in ogni parte del pianete, aerei invisibili ai radar, droni spia, bombe intelligenti e molti altri ancora. Dal 7 al 9 febbraio si potranno ammirare presso l’area espositiva del Museo, una serie di apparecchiature, molte delle quali ancora funzionanti, risalenti ai primi del 1900 fino ad arrivare ai giorni nostri: a partire dalla battaglia di Tsushima, 27 maggio 1905 in pieno conflitto Russo-Giapponese, durante la quale l’operatore radio dell’incrociatore russo Ural trasmise in codice morse una serie di messaggi per confondere le comunicazioni sulla frequenza della flotta nipponica. Nei tre giorni di esposizione, esperti  e personale qualificato illustreranno gli apparecchi, il loro funzionamento e l’uso che ne veniva fatto. Si terranno inoltre alcune brevi conferenze e l’associazione radioamatoriale “773 Radio Group” sarà presente con una stazione ricetrasmittente che si metterà in contatto con radioamatori nazionali ed esteri. L’appuntamento è quindi venerdì 7 e sabato 8 febbraio dalle 9.00 alle 18.00 e domenica 9 dalle 9.00 alle 13.00 presso il Museo di Piana delle Orme di Latina. Per informazioni è possibile consultare il sito dell’Associazione Quelli della Radio o quello del Museo di Piana delle Orme.  www.quellidellaradio.it oppure www.pianadelleorme.com

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *