La minoranza consiliare accusa Bartolomeo

Asilo La Vecchia Quercia
Asilo La Vecchia Quercia

In una nota i gruppi di minoranza consiliare UdC e Generazione Formia accusano apertamente il sindaco Bartolomeo di ciò che sta accadendo all’occupazione, facendo riferimento alla questione dell’asilo nido comunale La Vecchia Quercia e mettendo in risalto che il sindaco pensa ad altro. Ecco la nota:

Che questa amministrazione totalmente arroccata a palazzo a difendere privilegi di posizione come auto blu o spartizione di poltrone come presidenza del Consiglio,  è ormai cosa risaputa in città ma che non si adoperi neanche con il minimo sindacale per difendere da veri e propri soprusi chi un lavoro lo ha perso o peggio ancora non lo ha mai avuto è davvero uno scandalo. Il riferimento solo in questi ultimi giorni è quello di decine di dipendenti di società che svolgevano degnamente, almeno fino a prova contraria, il proprio lavoro presso l’asilo comunale e presso il Comando vigili per la gestione del procedimento sanzionatorio delle violazioni alle norme del codice della strada e di polizia amministrativa. Dopo alcune settimane (i primi) ed addirittura alcuni mesi (i secondi) il Sindaco non è neanche disposto ad incontrare i dipendenti, i sindacati e gli USB. Un menefreghismo spaventoso che è esattamente lo specchio di questa amministrazione targata PD-Sel-Ripartiamo Insieme (lista che fa capo al Vice Sindaco Eleonora Zangrillo) che è totalmente disinteressata alle problematiche dei cittadini. E pensare che l’articolo 15 dei bandi espressamente prevedeva il reintegro dei dipendenti che già erano impiegati nei due diversi appalti.  Altro che trasparenza e carta di Pisa … Lo stesso problema fu risolto senza alcun licenziamento in almeno altri 5 casi che si sono succeduti nella precedente amministrazione, segno che se c’è la volontà la soluzione migliore per tutti si trova sempre. Ma la cosa che ci preme sottolineare ancora maggiormente è che dopo 3 anni e mezzo di questa inutile e dannosa amministrazione non c’è un solo atto che va nella direzione delle buone pratiche di “politiche del lavoro”. Ricordiamo a tal proposito che le uniche borse lavoro affidate dal Comune sono infatti quelle del finanziamento europeo Pluss ossia richieste ed ottenute dall’UE dall’amministrazione Forte. Il resto è solo bla bla bla … A questo punto chiediamo nient’altro che il rispetto della legge e dei sacrosanti diritti di lavoratori che non possono stare sulla graticola per colpa di una amministrazione che neanche di politiche del lavoro si occupa e ancora di più di cercare di trovare delle soluzioni, anche in Regione, per cercare di dare qualche opportunità lavorativa a tanti, troppi giovani e meno giovani che da Formia stanno andando via …”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *