Aurelio Saccoccio
Bandiera lettone
Bandiera polacca
Giocatori Wroclaw
Graziani e Matteis
Lietnos
Matteis e Graziani
Salto a due
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Vilnius – Wroclaw
Wroclaw

Lietnos Rytas Vilnius: Vaiciunas 8, Zubrys 3, Astrauskas 8, Kalinauskas 11 , Baslyk 4, Kliukas 2, Butrimas 11, Nasurevicius 12, Rimkus 0, Goliancik 2, Paukste 0, Mikalajunas 8. Capo allenatore: Slezas Andrius 1° assistente: Sakalauskas Mindaugas

WKS Slaks Wroclaw: Kozlowski 3, Czempiel 11, Mindowicz 7, Malik n.e., Mitman 0, Azimka 13, Kuczyl 4, Zmijak 0, Zagorski 5, Malesa 16, Burakiewicz 0. Capo allenatore: Jurgas Beniamin

Arbitri: Simone Matteis di Itri e Graziani Gianluca di Fondi

Una partita vera, una partita che ha visto due scuole, due filosofie cestistiche sfidarsi a viso aperto, anche se all’inizio la squadra lettone ha subito il gioco aggressivo dei ragazzi polacchi che hanno tenuto testa sino alla fine, e se hanno poi buttato via la vittoria,  devono recriminare la scarsa realizzazione nei tiri liberi. Comunque anche se equilibrata, la partita ha visto vincenti per i primi due quarti la quadra della città di Vilnius con il punteggio di 20 a 15 e di 15 a 12. Nel terzo quarto i ragazzi di coach Jurgas Beniamin hanno ben tenuto testa ai lettoni pareggiando per 21 a 21, mentre un leggero calo fisico ha permesso ai ragazzi di coach Slezas di portare in cascina la vittoria nell’ultimo quarto con il punteggio di 13 a 11. Anche in questa partita ci sono stati dei provvedimenti disciplinari presi dagli arbitri Matteis e Graziani: per i lettoni un antisportivo fischiato al lettone Nasurevicius, mentre un tecnico è stato fischiato al lettone  Vaiciunas  e al polacco Kuczyl. Il miglior realizzatore dell’incontro è stato Malesa del Wroclaw con 16 punti, mentre per i lettoni del Vilnius Nasurevicius con 12 punti. Prima dell’inizio dell’incontro c’è stato un minuto  di silenzio per ricordare la morte della madre dell’Ufficiale di Campo Michele Militano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui