Nicola Zingaretti

Come molti suoi colleghi presidenti di regione, anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha scritto una lettera indirizzata ai sindaci, ai presidenti di Provincia ed agli enti pubblici del Lazio per chiedere di riprogettare il lavoro e andare oltre la soglia del 50% di smartworking negli uffici pubblici,  con l’obiettivo di incrementare il più possibile il lavoro da casa, come misura restrittiva in funzione anti covid, con più lavoratori che svolgono i loro compiti senza doversi recare in ufficio, meno persone negli ambienti di lavoro e mezzi pubblici alleggeriti: “Bene la base di partenza del 50% di smartworking indicata nel recente decreto legge n. 34 del 2020, per tutte le attività e i servizi che non necessitano di presenza fisica poichè il tessuto lavorativo della Regione Lazio, ma soprattutto di Roma, si connota per l’ampia presenza di lavoratori del settore pubblico. Ma occorre andare oltre, e potenziare la programmazione delle forme di lavoro flessibile che impattano sia sulla riduzione dei contatti negli ambienti di lavoro, sia sul carico del trasporto pubblico verso la capitale e al suo interno. Anche nei casi di attività in presenza sarà importante che gli uffici pubblici programmino orari di accesso dei propri dipendenti e che, compatibilmente con gli orari di apertura al pubblico, differenzino per fasce orarie come si stanno impegnando a fare le istituzioni scolastiche”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui