La lagnanza dell’Assemblea Popolare del Golfo per la sospensione delle corse degli autobus

Cotral
Cotral

Paola Villa, coordinatrice dell’assemblea Popolare del Golfo, ha redatto il testo di una petizione per protestare nelle sedi opportune contro la mancanza di corse degli autobus creando disagi di ogni genere. Ecco dunque il testo della petizione: “Questa mattina l’Assemblea Popolare del Golfo di Gaeta, facendosi portavoce delle lamentele di diversi cittadini del Sud Pontino, in quanto dal 1° Agosto, impossibilitati a recarsi a Formia dalle città vicine (Fondi, Itri, Monte San Biagio, Ausonia, Campodimele, Cassino, Latina, Terracina, Santi Cosma e Damiano, Castelforte ed altre) con i mezzi Cotral del trasporto pubblico, in quanto nel nuovo orario, pubblicato ufficialmente sul sito della Cotral, non esistono corse festive da e per queste località, ha inviato una lettera all’assessore alla mobilità della Regione Lazio, Michele Civita; al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti; agli Assessori regionali delle politiche giovanili, del sociale e del bilancio; al vice presidente della Commissione Regionale sulla Mobilità, Enrico Forte; all’Ufficio dei Rapporti con il Pubblico della Regione Lazio; ai Consiglieri Regionali del M5S, che avevano presentato un’interrogazione consiliare regionale sulla mobilità; all’Ufficio Stampa della Cotral; all’Ufficio per le relazioni con l’esterno della Cotral. Nella missiva si chiede l’immediata revisione degli orari ed una più attenta distribuzione del servizio estivo dei mezzi pubblici del Sud Pontino. Vi alleghiamo la lettera, che avremo premura di inviare a tutti i sindaci del comprensorio, per convogliare in una corale richiesta le istanze di tutti i cittadini. Inoltre chiediamo a tutti i cittadini che vogliono denunciare con noi questa ennesima assenza di servizio pubblico, di inoltrare dalla propria casella di posta elettronica, la lettera allegata, all’ufficio dell’assessore Regionale alla Mobilità, Michele Civita (urbanisticaemobilita@regione.lazio.it) in modo da far comprendere l’entità del disagio arrecato.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *