Jansssen

Lo stabilimento di Latina di Janssen punta alla produttività sostenibile. L’azienda farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson ha implementato presso il plant di Latina il progetto di ottimizzazione energetica Hot, ideato per rispondere alla necessità di avere acqua calda per fini produttivi e garantire in ogni momento le corrette condizioni termoigrometriche nel sito.   Si tratta di un progetto che nasce dalla collaborazione tra Johnson & Johnson e Optimum Energy. Per implementarlo, la centrale elettrica dello stabilimento è stata ricostruita completamente, sostituendo i vecchi generatori termici con nuove caldaie a vapore e ad acqua calda più efficienti e sicure, che vengono controllate dall’Opticx Optimum, tecnologia in grado di gestire autonomamente le macchine senza l’intervento degli operatori. Il sistema è provvisto di un software di Intelligenza artificiale che consente di modificare rapidamente i parametri per garantire importanti vantaggi energetici. È dotato di una tecnologia basata sul machine learning, in grado di incrementare l’efficientamento degli impianti, imparando a riconoscere autonomamente la temperatura esterna, le condizioni di funzionamento all’interno dello stabilimento e il tipo di produzione in corso. Questa tecnologia permette di lavorare nell’ottica di una manutenzione predittiva, che consentirà di prevedere e anticipare potenziali guasti o anomalie del sistema, salvaguardando la produzione. Da questo sistema di ottimizzazione energetica derivano dei significativi vantaggi economici, gestionali e ambientali. Il progetto permetterà  a Latina di ridurre considerevolmente i consumi di energia termica ed elettrica: si prevede una riduzione annuale dei consumi energetici di 7.200 MWt (Megawatt termici) e delle emissioni di CO2 di 1.470 tonnellate, che equivalgono alle emissioni di un’auto che percorre 5,4 milioni di chilometri, o 135 volte il giro del mondo. Ha speigato l’azienda in una nota: “Quello per la sostenibilità è un impegno che Janssen porta avanti da tempo.  Parallelamente ad altre iniziative, nel 2016 era stato implementato a Latina il progetto Cold, concettualmente simile al funzionamento di Hot, ma che si focalizza sul sistema di refrigerazione dello stabilimento. L’obiettivo di Cold è quello di produrre in maniera efficiente acqua fredda “refrigerata”, necessaria a mantenere le corrette condizioni termoigrometriche all’interno dei locali e garantire una produzione sostenibile e di qualità. Ad oggi il progetto Cold ha consentito di ridurre l’impatto di energia elettrica dell’impianto di 15.500 MWh e le emissioni di CO2 di 5.100 tonnellate, equivalenti alle emissioni di un’auto che percorre oltre 18,7 milioni di chilometri o 467 volte il giro del mondo. Parallelamente agli investimenti nella sostenibilità Janssen ha puntato molto anche sull’innovazione per il proprio sito di Latina. Negli ultimi anni, il sito infatti è stato ampliato con ulteriori 3.000 m2 di spazio e ha aumentato la sua capacità produttiva passando da 1,8 miliardi di trattamenti orali nel 2010 a 4 miliardi nel 2015, che si prevede aumenteranno fino a 5 miliardi entro la fine del 2021. La produzione del plant è destinata per oltre il 90% all’esportazione, raggiungendo oltre 100 Paesi nel mondo.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui