Locandina Concerto San Giovanni Battista a Formia
Locandina Concerto San Giovanni Battista a Formia
Statua di San Giovanni Battista a Formia
Statua di San Giovanni Battista a Formia
Biancamaria Spirito con coro
Biancamaria Spirito con coro
Coro in Concerto
Coro in Concerto
Chiesa di San Giovanni Battista di Formia
Chiesa di San Giovanni Battista di Formia
Fine del Concerto
Fine del Concerto
Organista Di Lenola con ottoni
Organista Di Lenola con ottoni

In occasione dello svolgimento del Convegno Diocesano sulla Liturgia che si è svolto tra il 19 e il 21 giugno nella chiesa del Sacro Cuore Di Gesù in località Vindicio a Formia, e anche in occasione degli imminenti festeggiamenti della Natività di San Giovanni Battista, compatrono della città di Formia insieme a Sant’Erasmo, si è tenuto un concerto per coro, organo e ottoni nella chiesa di San Giovanni Battista a Formia dal titolo “La grande musica in chiesa tra Ottocento e Novecento”, alla presenza di Mons. Valentino Miserachs, grande compositore di musica sacra.

Prima di poter dire chi erano gli artisti e i coristi presenti a questa performance musicali, due parole sull’esecuzione delle musiche e dei canti. Come ha fatto osservare alla fine del concerto il parroco Don Mariano Parisella, che ha sottolineato la timidezza iniziale dei coristi, ma che con l’andare avanti nel programma hanno trascinato interiormente i presenti accorsi ad ascoltare il programma proposto con un crescendo in stile rossiniano, amalgamandosi bene con l’esecuzione organistica di pregevole fattura, e quando sono stati inseriti gli ottoni hanno una grande maestosità all’insieme della musica che ha penetrato nel cuore di tutti i presenti, e non poteva essere altrimenti in quanto la musica proposta era veramente toccante e quando la si esegue come hanno fatto i vari protagonisti diretti magistralmente dalla direttrice Biancamaria Spirito, tutto è sembrato come essere in paradiso, ma eravamo solamente nella chiesa di San Giovanni Battista nel quartiere Mola.

Abbiamo detto della direttrice del coro, ma adesso andiamo ad elencare tutti i protagonisti musicali di questo concerto, ossia il Coro dell’Arcidiocesi di Gaeta, il Coro della cappella Musicale Pontina, e l’Orchestra di Fiati “Gioacchino Rossini” di Latina.

Il Coro dell’Arcidiocesi di Gaeta nacque nel 1998 in occasione dell’ordinazione presbiterale di cinque seminaristi dell’Arcidiocesi e in quella occasione si unirono le singole corali delle parrocchie di appartenenza dei cinque seminaristi. Nel settembre del 1999, in occasione dell’imminente Celebrazione del Mandato Pastorale l’Ufficio Liturgico di allora propose di riprendere quell’esperimento corale, costituendo un gruppo stabile e da quel momento il coro ha prestato il proprio servizio per tutte le celebrazioni diocesane e per quelle realtà parrocchiali che ne facessero richiesta. Dal novembre del 2006 in occasione della commemorazione della memoria liturgica di santa Cecilia, patrona della musica e dei musicisti, si affianca al coro un organico di fiati e archi di cui gli organizzatori furono Don Antonio Centola e Federica Casaburi. Dal 2011 è stata prestata una particolare attenzione alla formazione vocale grazie al supporto del maestro Stefano Bono. Dal 2014 con l’inserimento dell’organista Marco Di Lenola nella Commissione Diocesana per la Musica Sacra e il Canto Liturgico, il Coro dell’Arcidiocesi di Gaeta comincia una stratta collaborazione con la Cappella Musicale Pontina per la preparazione del concerto “La grande musica in chiesa tra Ottocento e Novecento”. Attualmente il coro è formato da 25 elementi, il cui coordinatore è Don Antonio Centola, Direttore dell’Ufficio Liturgico e della Commissione per la Musica Sacra dell’Ari8diocesi di Gaeta. La direttrice, Biancamaria Spirito, diplomata in pianoforte e didattica della musica nel conservatorio Respighi di Latina porta avanti il progetto del coro affiancata dall’organista Marco Di Lenola.

Il coro della Cappella Musicale Pontina  svolge la sua attività concertistica dal 2006 come espressione dell’Associazione Pontina di Musica Sacra e consta di due formazioni corali, femminili e maschili, che all’occorrenza si dividono per l’esecuzione del repertorio gregoriano. Il coro è composto dalle varie realtà corali e scolastiche accomunati dallo stesso desiderio di tutela, ricerca e divulgazione del repertorio sacro nelle sue svariate forme. Il coro è diretto dal maestro organista Marco Di Lenola, che ha compiuto i suoi studi presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra ed eseguendo vari concerti in Italia e all’estero. Collabora come assistente alla cattedra di organo e svolge la sua attività didattica per la formazione liturgico- musicale nell’Arcidiocesi di Gaeta e nella diocesi di Venafro – Isernia.

L’Orchestra di Fiati dell’Associazione Musicale “G. Rossini” di Latina venne fondata il 25 ottobre del 1952 ed è stata riconosciuta dal Consiglio Comunale della Città di latina Banda di interesse Comunale, ossia una eccellenza in campo musicale del capoluogo provinciale. Il maestro storico della banda è stato Lamberto Marsella e dal 2004 ne ha preso la direzione il maestro Raffaele Gaizo, a cui si affianca anche il vice maestro Alberto Amidei. Il gruppo è costituito da musicisti diplomati o diplomandi al conservatorio e degli studenti della scuola di musica dell’Associazione musicale della stessa Banda. Partecipando a numerosi  concorsi bandistici nazionali ed internazionali ha avuto numerosi riconoscimenti tra cui il secondo posto per la Bacchetta d’Oro nel 2012, il primo posto per il XII Concorso Bandistico Città di Scandicci nel 2013, ed altri riconoscimenti prestigiosi. Ha organizzato il concorso internazionale di composizione per orchestra di fiati Un CD per il Festival del Circo in collaborazione con l’Assessorato alla cultura del Comune di Latina, oltre ad altre varie composizioni prestigiose. Per la Rassegna Musicale Pontina ha garantito la sua collaborazione con l’Associazione Pontina Musica sacra per la realizzazione del concerto “La grande musica in chiesa tra Ottocento e Novecento”, facendone parte i musicisti Alberto Amidei, Giacomo Celocchi, Simone Centori, Ilenia Moriconi e Andrea Tassini.

Il concerto “La grande musica in chiesa tra Ottocento e Novecento” è stato ideato per porre a confronto alcuni esempi di produzione sinfonica sacra specialmente della scuola inglese e francese. Le opere che sono state oggetto del programma eseguito, pur essendo composte nel giro di pochi decenni, tuttavia sono molto dissimili tra di loro in base al contesto storico culturale del momento in cui furono0 scritte. Un discorso a parte merita l’opera “Westminster Abbey – Hymn of Glory” di Marco Enrico Bossi, nato a Milano ma emigrato in Inghilterra, dove terminò i suoi studi musicali e  desiderò comporre un’opera per il richiamo della sonorità dell’Abbazia di Westminster dedicandola all’organista della stessa abbazia londinese Jo0hn Frederick Bridge, e l’opera porta un doppio titolo perché fu composta per solo organo in  origine e poi per organo e coro con l’aggiunta della parole latine del salmo 149.

Il programma del concerto è stato essenzialmente di tre parti.

INTRODUZIONE

Edward Edgar (1857 – 1934) – Nimrod, Variazione IX (Adagio) da “Enigma Variations” (elaborazione per organo e ottoni)

PRIMA PARTE

Edward Edgar (1857 – 1934) – Ecce sacerdos (elaborazione per coro a 4 v.d., organo e ottoni)

Edward Edgar (1857 – 1934) – Ave verum (per coro a 4 v.d. e organo)

August De Boeck ( 1865 -1937) O salutaris ostia (per coro a 4 v.d. e organo)

Loius Vierne (1870 – 1937) – Tantum ergo (per coro a 4 v.d. e organo)

Marcel Dupré (1870 – 1937) Laudate Dominum, op. 9, IV (per coro a 4 v.d. e organo)

SECONDA PARTE

Anton Bruckner (1824 – 1896) – Ecce sacerdos (per coro a v.d., organo e ottoni)

Franz List (1811-1886) – Ave verum corpus, S. 44 (per coro a 4 v.d. e organo)

Marcel Dupré – O salutaris ostia, op. 9, I (per coro a 4 v.d. e organo)

Charles – Marie Jean Albert Widor (1844-1937) – Salvum fac popolum tuum, op. 84 (elaborazione per organo e ottoni)

Marco Enrico Bossi (1861 -1925) – Westminster Abbey – Hymn of Glory, op. 76 (elaborazione per coro a 8 v.d., organo e ottoni)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui