Aula

Dal 13 settembre si riprendono le lezioni nelle scuole della Regione Lazio ma ci sono delle grandi incertezze sull’avvio del nuovo anno scolastico, sia per la sicurezza e le misure di prevenzione sia rispetto alla copertura delle cattedre. Ad esprimere la preoccupazione è la coordinatrice della Gilda Insegnanti di Latina Patrizia Giovannini, guardando alle operazioni avviate per le immissioni in ruolo 2021-2022 e per la ripresa dell’attività didattica a settembre. Ha spiegato la stessa sindacalista: “Le disponibilità effettive per le nomine in ruolo del personale docente non sono ancora note, eppure si sta procedendo con un sistema informatizzato di domanda al buio, per cui tutti coloro che sono presenti nelle graduatorie dei concorsi e nelle Gae (graduatorie a esaurimento) vengono chiamati a partecipare alle procedure di assunzione. Addirittura, nel Lazio, non sono ancora terminate le pubblicazioni delle graduatorie di merito del concorso straordinario 2020”. Anche il concorso per il reclutamento del personale docente nelle discipline Stem è in alto mare: “La procedura veloce su cui ha tanto puntato il Ministero si profila un ennesimo flop perché basata su prove disciplinari a quiz: la percentuale di bocciati è elevatissima col risultato che a settembre i posti disponibili nelle materie scientifiche e matematiche saranno solo parzialmente coperti. La prova disciplinare inoltre sembra mettere in discussione il titolo di laurea regolarmente conseguito dai candidati. Nella scuola, più che una valutazione sulle discipline di insegnamento, conta stimare la capacità di trasmissione delle conoscenze e di programmazione delle stesse. Accelerare le operazioni di attribuzione dei ruoli e degli incarichi di supplenza sovrapponendole e senza consultare le parti sociali né i territori con gli Uffici scolastici provinciali rischia di pregiudicare la ripresa delle lezioni rendendola difficile e caotica. Queste modalità compromettono il rispetto dei diritti del personale e degli alunni”. La Giovannini ha sottolineato che nell’ultima riunione del tavolo regionale sulla riapertura della scuola a settembre non sono emerse novità significative: “Non è previsto alcun incremento dell’organico dei docenti, in tal modo non si potranno sdoppiare le classi per arginare il problema dell’affollamento. E n merito ai trasporti è stato annunciato che la capienza massima sui bus sarà all’80% e che molto probabilmente rimarranno i doppi turni d’ingresso, situazione quest’ultima già molto dibattuta lo scorso anno e verso la quale ci si aspettava un superamento. Come al solito si arriva a settembre senza aver preso misure in tempo e senza aver ascoltato le pressanti richieste avanzate nei mesi scorsi. La situazione rispetto allo scorso anno è addirittura peggiorata: il finanziamento di 400 milioni di euro previsto dal Decreto Sostegni bis sarà utilizzato per potenziare solo l’organico dei collaboratori scolastici e in via residuale per il recupero degli apprendimenti degli studenti. Nessuno stanziamento è stato invece previsto per le strutture edilizie, la rete dei trasporti e il dimezzamento delle classi. La scuola continua evidentemente a non essere una priorità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui