La firma della legge sull’omicidio stradale: soddisfazione dell’associazione Valore Donna di Latina

Renzi firma la legge sull'omicidio stradale
Renzi firma la legge sull’omicidio stradale

La legge sull’omicidio stradale ora è realtà: il premier Matteo Renzi l’ha firmata. Valentina Pappacena, presidente di Valore Donna è molto soddisfatta: “La giornata di oggi e la firma, da parte del Premier Matteo Renzi, della Legge sull’Omicidio Stradale, è il giusto coronamento di 5 lunghi anni di duro lavoro.”Una soddisfazione espressa a pieno titolo perché tra coloro che hanno visto firmare Renzi questa legge c’era anche lei, oltre che la madre della piccola Stella morta appunto per un incidente stradale ed il suo assassino aspetta ancora di essere giudicato dopo tre anni. La volontà di Renzi di avere a se le famiglie e le associazioni che tanto hanno lottato per vedere alla luce questo importante provvedimento legislativo è’ stato il coronamento di tante sofferenze. Ha commentato la Pappacena dopo la firma: “E’ stata una mattinata di grande soddisfazione, ma anche di un rinnovato dolore per le tante famiglie che hanno perso un loro caro. Quello che si deve festeggiare oggi non è la vendetta per chi oggi non c’è più, ma la certezza di avere dato al nostro Paese una legge che, speriamo, possa fare capire una volta per tutte che la vita non è un gioco. La speranza di tutti noi è che alla luce delle pene diventate più severe rispetto a prima la gente ci pensi due volte prima di mettersi al volante in stato di incoscienza dovuta all’assunzione di droghe e alcool. Ogni giorno, anche in provincia di Latina leggiamo di incidenti stradali causati da persone ubriache o drogate; l’ultimo, in ordine di tempo, solo qualche sera fa su via Epitaffio per colpa di un automobilista risultato positivo all’alcool test. A nome di Valore Donna e dell’AVISL dell’avvocato Musicco e delle tante famiglie di vittime della strada che da anni assistiamo voglio rivolgere ancora una volta un particolare ringraziamento al Premier Renzi che è riuscito a concretizzare quello che nel 2011, quando iniziammo tutti insieme questa battaglia, sembrava un obiettivo irraggiungibile. Capire o cercare di capire quello che significa questa legge per i tanti genitori e parenti che hanno perso un figlio, un marito sulla strada è difficile, ma vedere nei loro occhi la soddisfazione di oggi è per tutti noi la più grande ricompensa”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *