Firma

Sono dei progetti importanti quelli nominati, ossia Tutti a scuola e Radici di Comunità passano il testimone al territorio della provincia di Latina. Il 17 luglio, presso la sala conferenze dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale nel Castello Angioino, a Gaeta, si è svolto l’incontro per la firma del Patto di territorio per il contrasto alle povertà educative nella provincia di Latina “Le parole e le idee possono cambiare il mondo. Un patto può cambiare la comunità”. Il Patto ha coinvolto numerosi Comuni, Carlo Medici, presidente della Provincia di Latina e sindaco di Pontinia, partner del Progetto Tutti a Scuola, che ha impegnato l’istituzione provinciale a costruire una cornice nella quale trovare il denominatore comune del territorio per combattere attivamente le povertà educative. Il Patto è stato sottoscritto dalla Provincia di Latina e dai Comuni di Latina e Gaeta ma hanno già confermato l’intenzione di aderire, tra gli altri, sette Comuni della provincia, oltre a quattro istituti scolastici e numerose associazioni e organizzazioni di terzo settore. Il Patto assume come principio base il protagonismo, il coinvolgimento, la partecipazione attiva di bambine e bambine, ragazze e ragazzi e giovani in ogni processo che riguardi la loro educazione e formazione. Tra gli obiettivi generali, il Patto intende costruire una cornice per i Comuni del territorio provinciale, affinché tutti i Patti educativi di Comunità che saranno stipulati dai singoli Comuni o attorno alle singole scuole possano usufruire di linee guida e buone prassi. Definendo modelli operativi innovativi e puntando su co-programmazione e co-progettazione, il Patto intende, insomma, lavorare per dei mutamenti permanenti nel contrasto alle povertà educative. I Progetti Tutti a Scuola e Radici di Comunità, selezionati dall’Impresa Sociale Con i bambini, costituita per attuare i programmi del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, rispettivamente nel Bando Adolescenza e nel Bando Nuove Generazioni, hanno portato avanti, dal 2018, con gli oltre trenta partner coinvolti nel territorio della provincia di Latina, interventi diretti a minori e famiglie e incontri volti a promuovere il protagonismo delle nuove generazioni. Tra i partner, oltre gli Organismi di Terzo Settore, anche i Comuni di Latina, Pontinia, Minturno, Spigno Saturnia e i numerosi altri che hanno partecipato, tra i quali il Comune di Gaeta che ha ospitato l’evento odierno. Ha dichiarato Carlo Medici, Presidente della Provincia di Latina: “Le amministrazioni hanno l’obbligo di colmare i gap di formazione e creare cittadini c’è bisogno di equità in questo: due ragazzi dello stesso comune non possono avere opportunità educative diverse in funzione della famiglia di provenienza. Occorre credere nella formazione, e, per farlo, garantire risorse”. Ha sottolineato Damiano Coletta, sindaco di Latina: “Sono convinto del grande valore di questo progetto, per il contesto storico in cui è stato realizzato, così come per la capacità di creare partecipazione e inclusione, degli studenti e della politica la pandemia ci ha dato una sintesi dei bisogni primari e di quella che può essere la risposta della società civile. E un bisogno primario è la scuola. Le scelte politiche sono importanti: come ci ricorda la Costituzione, dobbiamo mettere al centro la persona, in questo caso gli studenti e contrastare tutte le condizioni che possono impedire la piena fruizione delle opportunità educative”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui