La Finanza sequestra 10 milioni di beni al commercialista Claudio Proietti

Palazzo M a Latina

Più che un libero professionista sembrava un finanziere: la Guardia di Finanza ha eseguito un provvedimento di confisca di beni mobili ed immobili per un valore stimato di circa 10 milioni di euro nei confronti di Claudio Proietti, sessantaseienne noto commercialista di Latina. La misura di prevenzione, scaturisce dagli accertamenti di polizia tributaria e giudiziaria coordinati dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Latina Luigia Spinelli. Proietti è risultato coinvolto a partire dagli anni 2000 in almeno 12 procedimenti penali come amministratore di diritto o di fatto (tramite dei prestanome) di decine di società e indagato per frodi fiscali e per reati di bancarotta fraudolenta sottraendo al fisco diversi milioni di euro. Grazie ai proventi derivanti dall’evasione fiscale, il professionista acquistava numerosi beni immobili intestati a società e terze persone per preservarli da eventuali provvedimenti. Un patrimonio di entità sproporzionata rispetto ai modesti redditi dichiarati al Fisco. Confiscati 53 immobili (fabbricati e terreni) a Roma, Vicenza, Venezia, Argelato, Barisciano (AQ), Mirabello (FE), Sant’Agostino (FE), Latina, Sabaudia, Cisterna, Norma, Sermoneta, Trevi nel Lazio tra i quali un villino di prestigio in Vicenza del valore di circa 1 milione di euro; 6 autovetture; l’intero capitale sociale di due società di capitali esercenti l’attività di costruzione di edifici e di compravendita immobiliare; conti correnti detenuti presso diversi istituti di credito, per un valore complessivo stimato in circa 10 milioni di euro.

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *